Temono la tragedia e chiamano Svs e vigili del fuoco. Ma lui è a letto che dorme

di gniccolini

Mediagallery

LIVORNO –  I familiari del protagonista di questa storia, un 30enne livornese, provavano a chiamarlo fin dalle prime ore del mattino senza avere risposta alcuna. Cellulare staccato e nessun cenno dall’intero del suo appartamento di via San Francesco nonostante le ripetute “scampanellate” da fuori del portone di casa. Così temendo la tragedia è stato subito allertato il 115 che ha inviato sul posto due mezzi di cui uno con autoscala. In zona si è portata anche un’ambulanza con medico a bordo dell’Svs munita di defibrillatore pronto all’uso per ogni evenienza.
Sono stati attimi di apprensione dunque quando, intorno alle 10,30, pompieri e soccorritori si sono portati davanti all’ingresso di casa per cercare di capire cosa stesse succedendo.
I ragazzi dell’Svs si sono recati al terzo piano a piedi mentre i vigili del fuoco hanno utilizzato la scala per “sbarcare” sul terrazzo ed entrare così dalla porta finestra del balcone alzando di peso la tapparella ed introducendosi all’interno della camera da letto.
Qui il giovane che stava dormendo beatamente nel suo letto e il relativo spavento presosi vedendo i due vigili del fuoco all’interno della sua stanza.

Riproduzione riservata ©