Tentano di rubare rame e tavole da surf, ladri messi in fuga dalla guardia giurata

Mediagallery

Intorno alle 23:15  di due giorni fa nel magazzino “Jlid Tavole da Surf” di via Mondolfi è scattato l’allarme anti-intrusione. Segnalazione che è subito arrivata anche alla centrale operativa della Liburnia che in men che non si dica ha inviato la pattuglia di zona sul posto per un controllo.
Nel giro di pochi minuti la guardia giurata della Liburnia  arrivata davanti al cancello, ha riscontrato che lo stesso era “legato” con del filo di ferro, evidentemente fatto di proposito dai malviventi per rallentare l’intervento della pattuglia. La guardia cautamente si è così introdotta nell’area privata ed ha effettuato il controllo esterno della struttura. Arrivata sul retro del capannone, ha potuto constatare  l’asportazione di tutta la guarnizione del portellone e un evidente taglio alla recinzione nelle vicinanze. La centrale della Liburnia ha pertanto chiamato la polizia e il titolare del magazzino che si sono portati subito sul posto. Da un controllo più accurato anche all’interno, emergeva infatti che ignoti avevano provato ad intrufolarsi all’interno del capannone proprio dal panello a cui avevano tolto accuratamente la guarnizione, ma per fortuna il corretto funzionamento dell’impianto d’allarme e il tempestivo intervento della guardia inviata dalla centrale operativa della Liburnia hanno scoraggiato il o i ladri che si sono dati alla fuga tra i campi lasciando perdere ogni traccia.
A seguito di un nostro sopralluogo, avvenuto nella mattina, il proprietario del magazzino e la polizia si sono accorti che i malviventi non stavano puntando solo al materiale all’interno del capannone. Ma i ladri avevano incominciato a sfogliare la copertura dell’ascensore esterno che è fatta di rame e che molto probabilmente volevano appropriarsi del furgone della ditta per caricarci tutti i pannelli, cercando le chiavi all’interno del negozio. La nostra pattuglia ha disturbato fortemente i ladri che non sono riusci a completare l’opera.

Riproduzione riservata ©