Muore per un malore mentre fa trekking. Gruppo di corridori dà l’allarme

Mediagallery

Si è accasciato a terra per un arresto cardiaco mentre stava passeggiando in via della Giorgia, a Montenero, una piccola strada sterrata nelle vicinanze di via del Pino. Per Rino Giunta, 60 anni da pochi giorni, portuale in pensione e dirigente per molti anni della cantina Ardenza-La Rosa, non c’è stato niente da fare. Il cuore ha smesso di battere quando erano circa le 10,45. Inutili i tentativi di rianimazione e soccorso della Misericordia di Montenero intervenuta tempestivamente sul luogo della tragedia insieme ad un’ambulanza con medico a bordo della Misericordia di Antignano.
A dare l’allarme alcuni atleti del Team Livorno Running, partecipanti ad una corsa podistica chiamata La Libecciata, che stavano passando di lì. E’ stato uno di loro inizialmente a cercare di rianimarlo praticandogli un massaggio cardiaco. In un primo momento si era diffusa la notizia che l’uomo facesse parte del gruppo di corridori, invece Giunta,  che amava quel tratto di strada nel bosco così silenzioso e rilassante, stava soltanto facendo una passeggiata domenicale, o molto probabilmente, stava facendo trekking come era solito fare.
Per il 60enne non c’è stato però purtroppo niente da fare. Sul posto sono arrivate anche le volanti della polizia. Gli agenti hanno prontamente avvisato il pubblico ministero di turno per gli accertamenti del caso. La morte dovrebbe essere sopraggiunta per arresto cardiaco. Rino Giunta era molto conosciuto a Livorno anche perché sposato da 36 anni con Simonetta Pampaloni, attivista del Pd e segretaria del Circolo di Shangai. La moglie, avvisata mentre era a casa del decesso del marito, è stata colta da un malore. 

Riproduzione riservata ©