Spray contro i cani e ladri-invitati, 4 colpi in villa

Mediagallery

Quattro colpi fra Antignano e Quercianella. Ladri scatenati nel weekend. In un caso è stato utilizzato spray urticante per mettere ko i cani da guardia. Indagano i carabinieri (leggi qui del furto a Vicarello: sparisce l’auto mentre dormono) .
Ad Antignano sono stati due i furti registrati. Il primo in via Fratelli del Conte (episodio con un  risvolto “giallo”). L’allarme è scattato intorno alle 17,30 da parte di una ragazza che vive nella villa con la nonna. La vittima ha spiegato ai militari di aver dato, sabato sera, una festa, fino a tarda notte e di essersi accorta, il giorno dopo, durante le pulizie, che mancavano diversi gioielli in oro e soldi spariti dalla camera della nonna. Parte dei monili li ha poi ritrovati in giardino, mentre nel cassonetto accanto alla casa sono stati ritrovati 350 euro. Un mistero. Non è escluso che i ladri si siano “nascosti” tra gli invitati visto che il furto sarebbe avvenuto proprio durante la festa.
Il secondo colpo, sempre ad Antignano, è andato in scena in viale del Tirreno. I proprietari della villetta lo hanno scoperto intorno alle 20 quando sono rincasati. Dopo essersi introdotti da una portafinestra del primo piano, i malviventi sono riusciti a portare via dalle camere da letto 500 euro, due collane e due anelli, oltre ad alcune placche della General Motor per cui lavora il padrone di casa e monete straniere di vecchia data collezionate dal proprietario.

A Quercianella i colpi si sono registrati in in via dei Ginepri. In un caso, come detto all’inizio, la banda prima di introdursi nell’abitazione ha spruzzato una grande quantità di spray urticante in giardino, tanto che all’arrivo dei carabinieri l’odore era sempre molte forte, per mettere fuori causa gli animali. A quel punto hanno forzato una finestra e una volta all’interno hanno portato via monili in oro, brillanti e diamanti.
Nella casa accanto  invece sono spariti oltre a una macchina fotografica alcuni profumi rubati dal bagno. In entrambi i casi la scoperta è stata fatta dai proprietari al rientro.

 

Riproduzione riservata ©