Si finge cliente per rapinare prostituta. Ruba vestiti alla Upim, denunciata

Mediagallery

I carabinieri hanno messo a segno tre denunce ai danni di altrettanti malviventi. Di seguito la cronaca dei tre episodi.

Sorpreso ladro di biciclette. Denunciato – Questa notte i militari del Nucleo Radiomobile hanno denunciato un cittadino rumeno, il 19enne C. D., per il reato di tentato furto di alcune biciclette. I Carabinieri, in particolare, sono stati allertati da alcuni condomini di una palazzina di via Martorelli accortisi che un ragazzo stava tentando di asportare alcune biciclette. L’immediato intervento di una pattuglia del radiomobile ha fatto desistere il giovane straniero il quale, dopo aver abbandonato a terra tre biciclette di cui si era nel frattempo già impossessato, ha tentato la fuga a piedi. I militari sono tuttavia riusciti a scovarlo nascosto diatro ad alcune autovetture parcheggiate poco distante dal luogo del furto. La refurtiva è stata poi restituita ai proprietari, tutti condomini della palazzina.

Sorpresa a rubare all’Upim. Denunciata – E’ stata sorpresa ad asportare capi di abbigliamento del valore di oltre 150 euro. E per questo è stata denunciata per il reato di tentato furto aggravato. E’ quanto accaduto l’altra mattina all’interno della Upim di via Marradi. Protagonista del fatto una cittadina dell’Est Europa, la 29enne georgiana K. M. M., da tempo residente a Livorno. La giovane donna, una volta entrata al’interno dell’Upim ha tentato di arraffare i capi di abbigliamento e di celarli sopra i propri indumenti per poi guadagnare l’uscita indisturbata, ma è stata sorpresa dal personale della sicurezza che ha provveduto a richiamare l’attenzione di due “Carabinieri di Quartiere” che transitavano in quel momento di fronte al negozio. La refurtiva, completamente recuperata, è stata restituita ai proprietari.

Avvicina una prostituta e le sottrae il telefono cellulare. Denunciato – A bordo di una bicicletta si è dapprima avvicinato ad una prostituta, fingendo di voler contrattare il prezzo per una prestazione poi, dietro minaccia, ha costretto la donna a consegnargli il telefono cellulare dandosi infine alla fuga.
E’ quanto accaduto ieri notte in via Firenze ai danni di una cittadina rumena, la 30enne F. A., residente da tempo a Livorno. La donna, dopo essere stata rapinata, si è presentata dai Carabinieri della Stazione Stagno denunciando il fatto. I militari, grazie anche alle preziose indicazioni fornite dalla vittima, sono riusciti in breve tempo ad individuare l’autore della rapina e a recuperare la refurtiva. A finire nei guai, infatti, è stato un connazionale della donna, il 39enne N. L. M., autotrasportatore anch’egli residente a Livorno, il quale è stato denunciato in stato di libertà per il reato di rapina.

 

Riproduzione riservata ©