Si chiude in auto e tenta suicidio, salvato 50enne livornese dai carabinieri

Via Corazzi, il militare che ha risposto alla chiamata è riuscito ad instaurare una conversazione telefonica con l’uomo tenendolo impegnato con una serie di domande

Mediagallery

Dopo essersi chiuso in macchina, con il motore acceso, ha collegato un tubo in gomma dal tubo di scappamento al finestrino lato guida deciso a farla finita.
E’ quanto accaduto nella serata di sabato in via Corazzi, nei pressi dello stadio, dove un 50enne di Livorno, ha tentato il suicidio mediante inalazione d gas di scarico della propria autovettura. Preso dalla disperazione ha quindi chiamato il 112 riferendo all’operatore della centrale dei Carabinieri i propri intenti suicidi. A quel punto, il militare che ha risposto alla chiamata è riuscito ad instaurare una conversazione telefonica con l’uomo, tenendolo impegnato con una serie di domande volte ad identificare l’esatta posizione in cui l’aspirante suicida si trovava.
Nel frattempo, dopo averlo convinto ad abbassare il finestrino, il militare è riuscito a capire il luogo da cui l’uomo stava chiamando così da inviare immediatamente sul posto una pattuglia del Radiomobile ed un’ambulanza del 118 che, dopo pochi minuti, hanno rinvenuto l’auto con ancora all’interno il 50enne ormai in condizioni di grave crisi respiratoria.
L’uomo è stato quindi trasportato all’ospedale di Livorno ove si trova tuttora ricoverato ma fuori pericolo.

 

 

Riproduzione riservata ©