Si accascia e muore a 47 anni. I cani danno l’allarme. Doverose precisazioni

Mediagallery

Si accascia a terra  e muore. La vittima si chiamava David Rosellini e aveva 47 anni. Lavorava alla Cooplat e viveva con la zia in via Marchiani. E’ accaduto intorno alle 5 del 18 dicembre.
In base a quanto appreso, l’uomo aveva portato fuori i suoi 2 cani per una passeggiata quando in via Davide Albertario, a Corea, ha avuto un malore.
Sono stati proprio gli animali a dare l’allarme. Il loro abbaiare ha richiamato l’attenzione di un amico che si trovava vicino a lui ed è subito intervenuto, cercando di rianimarlo. Poi ha richiesto l’intervento del 118. Inutili i tentativi anche dei volontari della Misericordia di Livorno intervenuti sul posto con il medico. Poi sono arrivate anche le forze dell’ordine e il magistrato che hanno ascoltato la testimonianza dell’amico. Dai primi accertamenti è emerso che la vittima non aveva segni di violenza.
Al momento del soccorso, la vittima era all’interno della roulotte dove l’amico l’aveva portato nel tentativo di salvarlo. I cani sono stati presi da un amico che poi li ha portati dalla zia.
Il destino ha voluto che tra i soccorritori della Misericordia intervenuti ci fosse anche un amico di Rosellini.

 

 

Riproduzione riservata ©