Saldi, multato un negozio su tre dalla Finanza. Decine di telefonate al 117

Una cinquantina gli esercizi commerciali controllati, un terzo dei quali multati. Riscontrata l’assoluta mancanza del prezzo sulle merci esposte in vetrina e prezzi più alti alla cassa di quelli esposti sugli scaffali

Mediagallery

Prezzi più alti alla cassa di quelli esposti sugli scaffali. Ecco quanto scoperto dalla Finanza. Con l’avvio del periodo dei saldi, la Guardia di Finanza di Livorno ha intensificato l’attività di servizio finalizzata a prevenire e contrastare le irregolarità sulla disciplina prezzi.
Molteplici sono state le telefonate pervenute al numero di pubblica utilità “117” alla Sala Operativa del Comando Provinciale, con le quali i cittadini hanno segnalato comportamenti non corretti da parte dei negozianti. In effetti i successivi controlli effettuati in ambito cittadino hanno consentito di accertare numerose irregolarità poste in essere dagli esercenti in tutti i settori merceologici. In più casi, i finanzieri hanno rilevato che i prezzi applicati alla cassa all’atto del pagamento, risultavano più alti rispetto a quelli esposti sugli scaffali, in danno degli ignari consumatori; in altri casi, è stata riscontrata l’assoluta mancanza del prezzo sulle merci esposte in vetrina. I controlli si inseriscono a pieno titolo tra le molteplici attività di servizio che la Guardia di Finanza, quale polizia economico-finanziaria, effettua al fine di contrastare le pratiche commerciali scorrette e di tutelare i consumatori. Una cinquantina gli esercizi commerciali controllati, ad un terzo dei quali sono state riscontrate irregolarità puntualmente sanzionate.
Il “117” è il numero di pubblica utilità, attivo 24 ore su 24, attraverso il quale i cittadini possono segnalare alla Guardia di Finanza ogni utile notizia e richiedere interventi nei vari settori operativi di interesse per il Corpo, dalla lotta all’evasione fiscale e dallo spreco del denaro pubblico, alla tutela dei consumatori, dal contrasto al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, alla repressione dei reati tributari ecc.)

 

Riproduzione riservata ©