Rubata pensione ad anziana non vedente e al marito

Furto con destrezza ai danni di una coppia di anziani: lui del 1929 con gravi difficoltà motorie e lei del 1936 non vedente. La coppia era andata all'ufficio postale di corso Amedeo per riscuotere la pensione della donna

Mediagallery

Furto con destrezza ai danni di una coppia di anziani: lui del 1929 con gravi difficoltà motorie e lei del 1936 non vedente. La coppia era andata all’ufficio postale di corso Amedeo per riscuotere la pensione della donna.
Una volta giunti davanti alla propria abitazione, sempre in corso Amedeo, mentre il marito apriva la porta d’ingresso e la moglie si trovava alle sue spalle, i due sono stati avvicinati da due donne di etnia rom, una esile e una formosa con capelli lunghi scuri e vestite con gonne di colore nero, che con in mano un depliant cercavano un determinato indirizzo. La pensionata ha subito detto loro di non poter essere d’aiuto in quanto non vedente. A quel punto il marito si è voltato riferendo che il posto che cercavano non era nelle vicinanze.
Le due donne hanno così salutato e si sono allontanate. Una volta entrati in abitazione la coppia si è subito accorta però che i soldi prelevati, circa 1500 euro in contanti, non si trovavano più all’interno della borsa dove li avevano riposti.
Il marito a quel punto ha ripercorso la strada fatta fino all’ufficio postale e sul posto un uomo straniero ha riferito di aver notato, quando lui e sua moglie erano presenti nell’ufficio postale, una donna seduta all’interno che si era allontanata al momento della loro uscita. A questo punto alla coppia non è rimasto altro che contattare il 113 per denunciare l’accaduto.

Riproduzione riservata ©