Ruba il marsupio in auto ma viene braccato. Lite in mezzo alla strada: arrestato 16enne

Mediagallery

Ha approfittato di un momento di distrazione del proprietario di un furgone per introdursi all’interno del mezzo e rubargli il marsupio. Inseguito e arrestato subito dopo (foto d’archivio). Il tutto è accaduto intorno alle 16 di mercoledì 2 settembre in via Provinciale Pisana all’altezza del civico 40 quando, alcuni cittadini hanno bloccato un ragazzo resosi responsabile di un furto con destrezza. La volante, giunta sul posto, ha preso subito i contatti con il richiedente, un livornese di 44 anni, il quale ha raccontato agli agenti che poco prima dell’intervento delle forze dell’ordine, mentre stava scaricando delle cassette di bevande dal suo furgone, ha notato un giovane aprire lo sportello del mezzo, entrare nella cabina e impossessarsi del marsupio contenente i suoi effetti personali e  tutto il guadagno delle consegne.
Il 44enne, sceso dal mezzo, è subito corso verso il giovane ladro bloccandolo e cercando di trattenerlo. A quel punto ha provato a fuggire dimenandosi e colpendolo violentemente con un calcio alla gamba sinistra e con un pugno al costato. Non riuscendo nel suo intento, in quanto il livornese è riuscito a bloccarlo grazie anche all’ausilio di un passante allontanatosi poco prima dell’arrivo della volante, si è così arreso. L’autore del furto, un giovane cittadino tunisino minorenne di 16 anni, in Italia senza fissa dimora, è stato accompagnato in questura per gli ulteriori accertamenti sulla sua identità personale.
Durante gli accertamenti gli operatori hanno verificato che il telefono cellulare in possesso del giovane, un Nokia 105 Rm 908, risultava essere provento di furto in danno ad una donna residente a Livorno come recitava la denuncia presentata in agosto a seguito del furto della borsa dalla macchina. Pertanto il giovane veniva anche indagato in stato di libertà per il reato di ricettazione.

Riproduzione riservata ©