Coppia livornese picchia debitore: arrestata

Mediagallery

Nella mattinata del 15 febbraio, una coppia livornese, A.L. 41enne livornese e la moglie A.S. 36 anni, si è incontrata alla stazione di servizio “IP” sul raccordo autostradale di Pistoia per l’A11 con un 52enne di Serravalle Pistoiese, commerciante nel settore tessile, poiché quest’ultimo, stando alle indagini, avrebbe dovuto saldare un debito con i due. Che hanno subito intuito che la vittima non avrebbe restituito 15 mila euro oggetto di un prestito concessole nel settembre scorso e dalle parole si è passati ai fatti. A.L.. ha aggredito il 52enne, strappandogli prima le chiavi dell’auto, un borsello contenente 200 euro, il cellulare e un orologio. Dopo lo ha colpito con calci e pugni per costringerlo a vendere immediatamente la propria autovettura e con il ricavato saldare il debito. Alla brutale aggressione hanno assistito vari automobilisti in transito che hanno chiamato il 112 e quando sono intervenuti, i militari della Radiomobile, hanno fatto immediatamente arrivare un’ambulanza e trasportare il ferito al pronto soccorso del San Jacopo dove è stato ricoverato in osservazione con una prognosi di 30 giorni per la frattura di un orbita oculare, traumi facciali vari e contusioni multiple al torace e agli arti.
La coppia è stata immediatamente fermata e sottoposta a perquisizione. Oltre agli oggetti strappati con violenza alla vittima, sono stati trovati alla donna due assegni per un importo complessivo di 22mila euro emessi da terzi in favore della vittima, dei quali la coppia si sarebbe impossessata lo scorso ottobre a garanzia del saldo del debito che avrebbe dovuto avvenire nell’incontro di ieri. Gli accertamenti dei militari del Norm proseguono anche perché nella vicenda, nella quale si evidenziano elementi potenzialmente tipici dell’usura, molti aspetti non sono stati chiariti dal parziale racconto dei protagonisti. Per intanto la coppia è stata arrestata per rapina in concorso e trasferita agli arresti domiciliari nell’abitazione di Livorno, in attesa dell’evoluzione delle indagini.

Riproduzione riservata ©