Picchiato e rapinato dal trans mentre fa benzina

Il trans, 40 anni, ha finto un approccio sessuale riuscendo a derubare l'uomo di mille euro. La vittima dà l'allarme e la polizia riesci ad acciuffare i tre complici

Mediagallery

Le volanti, nell’ambito della attività di prevenzione e controllo del territorio, durante la notte sono intervenute in via Firenze al distributore Esso a seguito di una rapina commessa ai danni di un cittadino livornese di 53 anni che si era fermato per far rifornimento alla propria autovettura.
Secondo quanto riferito dall’uomo in tale frangente si era avvicinato un transessuale, tale B.L. J.L. quarantenne, peruviano, che gli aveva chiesto un passaggio.
Una volta all’interno dell’auto B.L. J.L. ha finto un tentativo di approccio sessuale, in realtà, toccandolo, è riuscito a derubare l’uomo della somma di circa mille euro, suddivise in banconote di vario taglio, che lo stesso custodiva nella tasca dei pantaloni.
Accortosi subito dell’ammanco il cittadino livornese ha chiesto la restituzione del danaro, ma è stato ripetutamente colpito alla testa ed al volto dal trans che tentava di darsi alla fuga salendo a bordo di una autovettura ferma poco distante, dove lo aspettavano altri due uomini di nazionalità peruviana, P.V. R.L. 32 anni, peruviano, residente a Prato, che a sua volta scendeva dall’auto e minacciava il cittadino livornese, e  C.S. Y.W., 43 anni, peruviano, residente a Firenze.
Le volanti, intervenute tempestivamente su richiesta dell’uomo, sono riuscite a fermare ed arrestare sul posto per rapina in concorso il trans ed uno dei complici, mentre l’altro peruviano che si trovava alla guida dell’auto e che era riuscito ad allontanarsi, è stato identificato e rintracciato poco dopo ed indagato in stato di libertà.

 

 

 

 

 

 

 

Riproduzione riservata ©