Parroco picchiato in chiesa, intervengono don Razzauti e Marco Ruggeri (Pd)

Mediagallery

Gentili lettori, vi ricordiamo che non possiamo pubblicare commenti dai toni forti, né violenti, né affermazioni che possano alimentarli. Grazie della collaborazione.

Aggredito in chiesa da un gruppo di rom – uno dei quali gli ha pure sferrato un pugno al volto facendogli volare gli occhiali – don Luciano, parroco della chiesa San Giovanni Bosco a Coteto, in via Toscana, comunità impegnata anche nella distribuzione dei pasti alle persone povere.
E’ accaduto poco dopo le 16 di ieri 11 marzo. Il prete, come ha riferito ai carabinieri, si stava recando nelle case dei parrocchiani per le benedizioni quando passando dalla chiesa ha notato il gruppetto, composto da sei persone, davanti all’altare intento a svolgere un rito “particolare” e si è avvicinato chiedendo loro spiegazioni.
Particolare, ha spiegato ai carabinieri, significa che un uomo era ai piedi dell’altare, a torso nudo, circondato da dei lumini presi dalle statue vicine. Accanto a lui una donna con i seni scoperti. Intorno alla coppia gli altri componenti del gruppo. Don Luciano ha capito che doveva dire loro di andarsene e si è avvicinato. Tuttavia, il gruppo non ne voleva sapere di lasciare la chiesa e quando il parroco si è diretto in sacrestia per telefonare alle forze dell’ordine è stato seguito da uno dei rom, il quale ha dato un pugno al sacerdote raggiungendolo al sopracciglio destro. L’asta degli occhiali, caduti a terra a seguito del colpo, gli ha procurato un taglio sopra l’occhio.
Poi il gruppo è uscito e il parroco ha dato l’allarme alla polizia che, essendo impegnata in quel momento in altri servizi, ha inviato sul posto una pattuglia dei carabinieri. Al momento del gruppo nessuna traccia.

Appresa la notizia su Facebook, don Paolo Razzauti, vicario della Diocesi propone: “Don Luciano è un prete che si è sempre dedicato ai più poveri (vedi Ronda della Carità che ogni sera porta cena ai senza tetto) e non si merita di essere trattato Così. Lo so benissimo che andando verso gli emarginati si rischia, ma se agiamo nel nome del Vangelo non dobbiamo temere. Un invito a tutti i credenti di Livorno: domani sera (13 marzo) sarebbe bello trovarsi uniti in preghiera con don Luciano. Noi, Seminario, andiamo e speriamo di vedere tanti insieme con noi. Alle ore 18,00 a S.Giovanni Bosco a Coteto”.

Così Marco Ruggeri, candidato Pd alle primarie di centrosinistra per il sindaco di Livorno, esprime la sua vicinanza a don Luciano, parroco della chiesa San Giovanni Bosco a Coteto, per l’aggressione subita. “L’aggressione di don Luciano a Coteto è un fatto di gravità inaccettabile. A lui voglio esprimere tutta la mia vicinanza. Se a Livorno non ci si può sentire al sicuro nemmeno in una Chiesa, vuol dire c’è un problema di ordine pubblico. Comprendo le difficoltà in cui versano le forze dell’ordine a causa dei continui tagli statali, ma Livorno e i livornesi devono potersi sentire sicuri e spero davvero che per questo obiettivo venga fatto il possibile. Mi auguro, allo stesso tempo, che lo Stato interrompa questa spirale infinita di tagli ai bilanci dei Comuni, in particolare dei fondi per la sicurezza urbana”.

 

Riproduzione riservata ©