Non si rassegna alla fine della storia: arrestato

Mediagallery

Le ripetute denunce presentate dalla ex moglie non sono bastate a dissuadere un 52enne livornese dal continuare a porre in essere atti persecutori e minacciosi nei confronti della donna. L’epilogo è giunto nella giornata di ieri, quando i carabinieri di Livorno si sono presentati a casa dell’uomo, un autotrasportatore, per eseguire nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale del capoluogo labronico per il reato di stalking.
Il provvedimento, in particolare, scaturisce a seguito delle indagini dei militari condotte dopo le numerose denunce presentate in caserma dalla ex moglie del 52enne, esasperata dalle ripetute molestie, minacce (anche mediante i social network), pedinamenti messi in atto dal marito, incapace di rassegnarsi alla fine del rapporto. L’uomo, tra l’altro, era già stato tratto in arresto nel mese di giugno per analogo reato, sempre a causa dei continui atti persecutori ai danni della donna, venendo assoggettato agli arresti domiciliari. Anche in questa circostanza, il giudice ha deciso di far scontare all’uomo gli arresti domiciliari presso altra abitazione con l’aggravante, questa volta, del “divieto assoluto di contatti di qualsiasi tipo con la ex moglie, con i familiari e con i colleghi di lavoro della stessa”.

Riproduzione riservata ©