Muore lo storico tipografo Giorgio Bianchini

Mediagallery

E’ mancato lo scorso 9 marzo, all’età di 93 anni, Giorgio Bianchini e con lui se ne va un pezzo di storia della stampa livornese. Giorgio Bianchini era stato direttore tecnico di una tipografia di Terni negli anni 1960-1963 e si era successivamente trasferito a Livorno con la moglie livornese, Emma Belforte, e i due figli. A Livorno nel 1964 aveva fondato la tipografia “Belforte Grafica” riprendendo l’attività della storica e gloriosa tipografia Belforte attiva a Livorno per oltre 150 anni e liquidata a seguito di un susseguirsi di difficoltà iniziate con le leggi razziali, proseguite con la guerra e con varie vicissitudini familiari.
Giorgio era un uomo molto ingegnoso, tecnicamente all’avanguardia e un instancabile lavoratore. Negli anni settanta ha introdotto per primo a Livorno le attrezzature elettroniche di fotocomposizione eliminando definitivamente i caratteri mobili e realizzando la stampa di libri ed opuscoli di ottimo livello diffusi soprattutto in ambito livornese. Dal 1997 la nuova denominazione sociale Media Print sostituisce la vecchia “Belforte Grafica”, che ancora oggivede nel libro la sua principale attività.
Giorgio lascia la moglie Emma, i figli Gianna e Sandro (quest’ultimo attualmente socio amministratore della Media Print) e i nipoti Andrea, Elio, Simone e Giorgio.

Riproduzione riservata ©