Muore nel suo letto a 26 anni. L’addio a Daniele

Lunedì 4 agosto alle 16 i funerali al cimitero dei Lupi

Mediagallery

E’ stato trovato privo di vita nel suo letto all’interno del suo appartamento di via Demi (zona Magenta) un giovane di 26 anni, Daniele Pucci deceduto per cause naturali. A dare l’allarme sono stati i suoi familiari intorno alle 5,30 del mattino di  sabato 2 agosto. I primi soccorsi sono arrivati proprio dalla fidanzata che era in casa con lui e si è accorta della crisi respiratoria che stava avendo all’alba il 26enne. Così è stata proprio la ragazza a chiamare da prima il 118 e subito dopo i genitori di Daniele che abitano al piano di sotto. Sul posto dunque immediato l’intervento dei volontari della Svs di via San Giovanni inviati dalla sala operativa del 118 il quale aveva ricevuto l’allarmata telefonata di richiesta d’aiuto. Purtroppo per il giovane però non c’è stato niente da fare, Daniele è morto così, troppo presto all’età di 26 anni, nel sonno, nel letto della casa che da circa sette mesi abitava insieme alla sua fidanzata e vicino agli affetti di sempre di babbo e e mamma. Le ipotesi avanzate dai sanitari sono quelle che portano a pensare ad un arresto cardiaco improvviso dettato da un aneurisma. Il giovane aveva compiuto gli anni mercoledì scorso. Sul luogo della tragedia si sono portati anche gli agenti della polizia.  Il pubblico ministero di turno al momento non ha disposto l’autopsia anche se la salma resterà ancora a disposizione dell’autorità giudiziaria per eventuali altri accertamenti.
Daniele era un giovane pieno di vita e ricco di tante amicizie. Lavorava dal 2008 alla Lumar, azienda del settore impiantistico, come elettricista. Nel tempo libero giocava a calcio a cinque insieme ai suoi compagni di squadra come portiere nella squadra Global System di seconda categoria del campionato Promosport alle Cinque Querce. Un ragazzo pieno di energie la cui scomparsa getta in un dolore immenso chi aveva avuto il piacere di stargli accanto, conoscerlo ed apprezzarlo. La salma di Daniele è esposta alla camera mortuaria del cimitero dei Lupi per chiunque volesse salutarlo per l’ultima volta. Poi lunedì 4 agosto alle 16 i funerali al cimitero dei Lupi.
Il cordoglio di Aamps per il padre Bruno – La tragica notizia fa stringere tutti i lavoratori in un lungo e caloroso abbraccio al collega ed amico Bruno Pucci, convinti che non esistano parole adeguate per colmare il dolore di padre. Le nostre sentite condoglianze vanno anche a tutta la famiglia.
La Direzione e i lavoratori di A.Am.P.S. SpA.

Riproduzione riservata ©