Multe a go-go: 230 in sole 5 ore. Ecco dove

Mediagallery

In sole cinque ore nella sera tra venerdì 22 aprile e sabato 23 sono stati sanzionati 230 veicoli in sosta irregolare: nel mirino degli agenti vetture in sosta sui marciapiedi, aree pedonali, attraversamenti e scivoli pedonali, spazi invalidi ed intersezioni stradali.
Ben 33 i veicoli sanzionati tra la nuova rotatoria di piazza Giovine Italia e i Tre Ponti (7 solo sulla piazza Giovine Italia), 4 in via Verdi, 46 in via Marradi durante l’orario dell’aperitivo nonostante i vicini parcheggi a pagamento (come quello della Coin) e offerti gratuitamente agli avventori della via Cambini dai commercianti.
Altre  6 autovetture presenti nell’area pedonale di via della Madonna e 14 in area mercatale.
Ancora 51 divieti rinvenuti tra piazza della Vittoria e viale Marconi ( si segnala il marciapiede di via Gramsci tra Corso Amedeo e viale Marconi completamente inagibile a causa della presenza di 15 autoveicoli praticamente accostati al muro dell’edificio). Impossibile attraversare in sicurezza in via Ernesto Rossi (nella foto) per presenza di auto completamente sugli attraversamenti. Ottima la situazione in via Ricasoli (un veicolo), 10 in via delle Bandiere, 5 in piazza Cavour, uno in via Cairoli.
All’interno di tutta la ztl della Venezia le soste apparivano ordinate, soli 6 veicoli in divieto, completamente libere le aree pedonali, nessuna criticità di viabilità in pizza del Luogo Pio. 51 invece i veicoli in divieto in area Venezia fuori dalla ztl: tra questi si segnalano 14 veicoli sanzionati nella via Borra che intralciavano il transito e 15 autovetture sanzionate per sosta sul marciapiede della Cinta Esterna (la presenza di veicoli in quel punto rende pericoloso il percorso pedonale dai parcheggi della Stazione Marittima ai locali della Venezia).
Per questo tipo di controlli sono fondamentali le segnalazioni dei cittadini che con i propri esposti e richieste d’intervento rappresentano le criticità del territorio, i controlli infatti sono organizzati proprio seguendo un itinerario costituito riunendo tutte le segnalazioni dei residenti e dei fruitori degli spazi pubblici.

Riproduzione riservata ©