Revisioni, sei funzionari della Motorizzazione nei guai

Nei confronti di questi funzionari è stata quindi disposta la sospensione dal pubblico ufficio da loro ricoperto

Mediagallery

Dal rafforzamento dei controlli finalizzati alla verifica dell’efficienza dei veicoli adibiti al trasporto di persone (Bus), ivi compresi quelli del trasporto pubblico, ha preso corpo nel settembre del 2013, con il sequestro di due pullman adibiti al servizio extraurbano dell’azienda di T. P. L. operante su Livorno, una specifica attività di indagine che si concludeva proprio giovedì 21 aprile nella mattina con l’esecuzione di un’ordinanza, emessa dal GIP di Livorno, concernete l’applicazione della misura cautelare interdittiva a carico di sei funzionari in servizio alla DTT-UMC di Livorno, per i reati di “abuso d’ufficio ed attentato alla sicurezza dei trasporti”

Nei confronti di questi funzionari è stata quindi disposta la sospensione dal pubblico ufficio da loro ricoperto relativamente all’esercizio delle pubbliche funzioni inerenti la revisione dei veicoli, nonché il sequestro preventivo di 10 bus già posti in sequestro probatorio durante l’indagine.
L’attività tutta è stata curata, in collaborazione, dalla sezione di Polizia Stradale, dal Reparto operativo dei carabinieri, dalla Squadra Mobile della questura di Livorno e dalla stazione dei Carabinieri di Monternero, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Livorno.

L’indagine svolta ha dato modo di evidenziare, a carico dei funzionari della MCTC, gravi negligenze nello svolgere le operazioni relative alle revisioni dei veicoli di trasporto privato e pubblico, così da mettere a repentaglio anche l’incolumità delle persone.
Tra i veicoli in sequestro, vi sono anche alcuni scuolabus che sino al fermo trasportavano i bambini delle scuole elementari e medie anche fuori dalla città di Livorno.

Oggetto dei provvedimenti emessi dal Gip sono, tra gli altri, il direttore ed i massimi vertici della DTT-UMC di Livorno indagati con altri 12 soggetti appartenenti a società private ed a partecipazione pubblica.

Riproduzione riservata ©