Estorce denaro alla madre per acquistare droga

Mediagallery

Le continue minacce ed offese subite tese ad ottenere somme di denaro necessarie per acquistare la droga hanno spinto una donna livornese a denunciare il proprio figlio, il 43enne F. T.. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine e con numerosi precedenti penali alle spalle, è stato pertanto denunciato in stato di libertà per il reato di estorsione.
L’uomo dal mese di gennaio era tornato a vivere con la madre, dopo essere stato allontanato con un provvedimento di divieto di avvicinamento alla ex compagna, emesso dal Tribunale di Livorno, dalla propria casa familiare. Da quel momento, stando a quanto riferito dalla donna, è stato un susseguirsi di quotidiane minacce, insulti ed aggressioni verbali da parte del figlio accompagnate da continue richiese di denaro, fino a 60 euro, necessario per acquistare lo stupefacente. Ieri 12 giugno, all’apice dell’ennesima discussione, la donna ha chiamato i carabinieri i quali, giunti immediatamente sul posto, hanno trovato il figlio della donna in stato di fortissima agitazione. L’uomo, nonostante la presenza dei militari ha continuato a pretendere, dietro minacce, i soldi fin quando è stato condotto in caserma e denunciato per estorsione.

Scoperti 4 ladri di biciclette – Nella sola giornata di ieri 12 giugno i militari della Compagnia hanno denunciato 4 persone e recuperato due biciclette rubate ed entrambe di ingente valore.
Nel primo caso, i carabinieri sono riusciti ad identificare e deferire all’A.G. due giovani livornesi, minorenni e ritenuti responsabili del reato di furto aggravato in concorso. I due, il 17enne S. B. ed il 14enne A. P., entrambi già con precedenti penali, avevano rubato una bicicletta ad un coetaneo, il 14enne C. D.M.. La vittima del furto aveva lasciato momentaneamente la propria bicicletta, una BMX “Evoluzione” del valore di oltre 650 euro, in piazza della Repubblica.
I due giovani denunciati, approfittando dell’assenza del proprietario, si erano pertanto impossessati del mezzo consgnandolo successivamente ad un ragazzo albanese, il 18enne B. S.. Le veloci indagini dei militari, supportate anche dalle immagini delle telecamere a circuito chiuso installate nella Piazza, hanno consentito di risalire in breve tempo agli autori del furto e al giovane straniero che è stato denunciato per il reato di Ricettazione. La bicicletta una volta recuperata è stata riconsegnata al 14enne.

Riproduzione riservata ©