Le svaligiano la cassaforte sotto gli occhi

La polizia illustra alcuni consigli anti truffa

Mediagallery

Truffano anziana e svaligiano cassaforte. E’ accaduto in via Settembrini. L’anziana ha spiegato alla polizia di aver aperto a due donne che si erano presentate alla porta spacciandosi per dipendenti del Comune incaricate di assistere gli anziani.
Una volta fatte accomodare dentro casa,  le due donne hanno convinto la donna a mostrare loro una banconota da 50 euro ma quando è andata a prendere i soldi dalla cassaforte in camera è stata seguita da una delle due che, distraendola in qualche modo, è riuscita ad arraffare tutto quello che vi era all’interno: molti monili in oro tra collane, anelli ed orecchini. Preziosi dei quali l’anziana donna non sapeva quantificarne il valore.
Una volta accortasi del raggiro ha chiesto aiuto ai vicini gridando dalla finestra e mettendo in movimento alcune persone presenti per strada che però non riuscivano a rintracciare le due donne. Le due ladre sono state descritte dalla donna sui 40/50 anni una e di circa 20 l’altra, italiane, ben vestite.

I consigli – Ancora una volta la polizia richiama l’attenzione di chi legge sull’importanza di diffidare di qualsivoglia persona, uomo o donna che si presenti nelle proprie abitazioni e chieda espressamente soldi od altri oggetti di valore. Prima di aprire la porta verificare l’identità della persona, controllando dallo spioncino ed utilizzando sempre la catena di sicurezza. Anche se la persona si presenta indossando una divisa, richiederne le generalità e contattare telefonicamente l’ente al quale dice di appartenere per verificarne l’attendibilità. Se possibile, durante la visita farsi assistere dal portiere o da un vicino. Diffidare da chi dice di venire in nome di una persona di vostra conoscenza ancor più familiare. Si ricorda che nessun Ente richiede la riscossione di una tassa o di una bolletta inviando personale a casa degli utenti.

Riproduzione riservata ©