Inventa incidenti con la bicicletta, trovato e denunciato per tentata truffa e calunnia dalla municipale

Il dirigente della municipale dott. Fabio Cerini: "Se avete dei sospetti chiamate la centrale 0586 - 820.420 e digitare il numero 9 per parlare con l'operatore"

Mediagallery

Inventa incidenti falsi con la bicicletta: per questo un rumeno, classe ’84, residente a Livorno, è stato denunciato per truffa e calunnie. L’uomo si presentava negli uffici della sezione di polizia giudiziaria della municipale sporgendo querela e sostenendo di avere avuto un incidente stradale (sosteneva che un automobilista gli avesse tagliato la strada) in via Garibaldi (siamo nel maggio 2013) a bordo della sua bicicletta e a seguito di questo essere stato anche percosso dal conducente dell’autovettura. Il racconto fatto dal querelante non convinceva a pieno gli agenti che iniziavano ad indagare rintracciando alcuni testimoni dell’accaduto i quali smentivano la versione fornita dal rumeno.

Gli investigatori, ancora di più non convinti della versione del rumeno, operavano con l’ausilio del personale dell’ufficio incidenti della polizia municipale una ricerca per verificare se l’individuo fosse stato protagonista di altri incidenti stradali e scoprivano che lo stesso era rimasto coinvolto in altri tre episodi analoghi (2 nel 2011 e uno nel 2012) e in tutti vi erano versioni contrastanti tra il suo racconto e quello dei testimoni. Gli inquirenti, convinti a questo punto che l’operato del rumeno fosse indirizzato a fingere incidenti per reperire denaro, lo hanno denunciato a piede libero per calunnia nei confronti della persona querelata nell’ultimo incidente.

Il dottor Fabio Cerini, responsabile della sezione di polizia della municipale, raccomanda alla luce dei fatti e dei numerosi precedenti in materia di circolazione stradale (come le ormai tristemente note truffe degli specchietti) di prestare massima attenzione e nell’eventualità di rimanere coinvolti in episodi simili di chiamare immediatamente le forze dell’ordine. Centrale operativa 0586/820420 e digitare il numero 9 per parlare con l’operatore.

Riproduzione riservata ©