Incendio alle Terme del Corallo, esplode la rabbia su Fb. Fai: “Brutto colpo”

Rabbia e disappunto dei quasi 7 mila iscritti al gruppo Fb creato da Silvia Menicagli "Salviamo le Terme del Corallo"

Mediagallery

Incendio alle Terme del Corallo. E’ scoppiato (come di consueto potete trovare il link alle foto di Simone Lanari in fondo all’articolo) intorno alle 23 del 22 aprile, ed è proseguito nella notte, all’interno di uno dei padiglioni di due piani (gli ambulatori medici) situato lato cavalcavia. A dare l’allarme sono stati alcuni cittadini insospettiti dal fumo che si è alzato dalla zona dell’antico stabilimento termale. Sul gruppo Fb creata da Silvia Menicagli “Salviamo le Terme del Corallo”, e che oggi conta quasi 7 mila iscritti, la notizia del rogo non è passata inosservata e tutti, unanimemente, esprimono disappunto per quanto accaduto. “Prima o poi doveva accadere. E’ ora di dire basta”. E Alessandra Franchini, l’ultima persona ad aver abitato negli ambulatori medici andati a fuoco, posta la foto (che pubblichiamo) di com’era quella porzione di struttura due anni fa.
L’intervento dei vigili del fuoco, in collaborazione con la polizia municipale, per domare le fiamme e mettere in sicurezza l’area è andato avanti circa 3 ore. Sul posto è intervenuta anche l’Svs, ma non ci sono stati, per fortuna, feriti. Non si esclude la natura dolosa del rogo visto che queste strutture diventano rifugio di fortuna come testimonia la presenza di un materasso fra le rovine. Il tempestivo intervento dei pompieri ha scongiurato che l’incendio si propagasse ulteriormente. Proprio in questi giorni il Comune ha dato avvio ai lavori di ristrutturazione di una porzione delle Terme, il Padiglione Mescita (leggi qui i dettagli).

L’intervento del Fai -delegazione di Livorno: “Ennesimo colpo ad un bene di grande valore”
Apprendiamo con grande rammarico dell’avvenuto incendio della scorsa notte nell’edificio delle Terme del Corallo che costituisce l’ennesimo colpo inferto ad un bene di grande valore per la storia e l’identità della nostra città e che ferisce ulteriormente l’integrità di questo monumento e l’orgoglio dei cittadini. La nostra delegazione si impegnerà a fianco di tutti i soggetti che vorranno collaborare per promuovere il recupero e la riqualificazione di questo straordinario edificio anche attraverso la raccolta delle segnalazioni dei cittadini in occasione del prossimo censimento dei Luoghi del Cuore 2014.

Riproduzione riservata ©

Photogallery