In casa una fabbrica di eroina: due in manette

Mediagallery

Una vera e propria fabbrica di eroina destinata al mercato cittadino. E’ questo quanto hanno scoperto i “Falchi” della Squadra Mobile che nel tardo pomeriggio di ieri, venerdì 8 agosto, hanno arrestato un albanese all’interno di una casa a Stagno, presa in affitto da alcune settimane, individuando così il fornitore di eroina delle “piazze di spaccio” del centro cittadino. In manette è finito Kristofor Beheluli, nato ad Elbasan (Albania) il 29 maggio del 1982 con precedenti penali oltre che per traffico di stupefacenti anche per tentato omicidio (reato per cui indaga la procura di Bologna insieme a quella di Milano).
L’uomo è stato trovato in possesso di circa un chilo di eroina, nonché di tutto il materiale per il confezionamento. In particolare, all’interno dell’abitazione nella quale vive con la compagna Kristina Sunyshkina (nata a Perm in Russia nel 1993 e finita anch’essa in manette) sono state rinvenute anche le presse per il confezionamento dei singoli panetti.
La circostanza conferma l’intuizione investigativa degli agenti della Mobile secondo la quale l’abitazione occupata dall’uomo era una vera e propria centrale di smistamento dell’eroina a Livorno. L’uomo era giunto in città, con l’obiettivo di impiantare il suo traffico illecito, non più di qualche settimana fa.
All’individuazione dell’uomo e del suo covo-fabbrica la Mobile è giunta dopo gli arresti delle ultime settimane, frutto del potenziamento dei servizi controllo del territorio voluto dal Questore Cardona.  Si ricorderà, infatti, l’opera dei Falchi che negli ultimi giorni hanno proceduto a numerosi arresti di spacciatori di strada. Da lì sono partite le indagini necessarie che hanno consentito l’operazione di ieri pomeriggio.
Il valore della droga sequestrata ammonta a circa 10.000 euro all’ingrosso; al dettaglio lo stupefacente avrebbe fruttato più del doppio della cifra. All’interno dell’abitazione sono stati sequestrati anche 6450 euro, somma ritenuta dagli inquirenti frutto dell’attività illecita di spaccio.

 

 

Riproduzione riservata ©