Effetto Venezia, giovani con il “fumo” scovati dai cani. Scontrini: multato un ambulante su 2

Controlli a Effetto Venezia da parte della Finanza. I denunciati per detenzione ai fini di spaccio sono 6 giovani residenti nelle province di Lucca, Pisa, Torino, Padova, Monza Brianza e Milano

Mediagallery

La nota kermesse “Effetto Venezia”, con il grande afflusso di pubblico che ha popolato negli ultimi giorni il quartiere Venezia, ha visto l’intensificarsi dei controlli per garantire la sicurezza dei cittadini da parte delle Fiamme Gialle, unitamente alle altre Forze di Polizia.
In tale contesto, militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Livorno, con l’ausilio di unità cinofile, hanno posto sotto sequestro, in distinte occasioni, circa 200 grammi di sostanze stupefacenti (in prevalenza hashish), con conseguente denuncia alla Procura della Repubblica di Livorno di 6 giovani per detenzione ai fini di spaccio residenti nelle province di Lucca, Pisa, Torino, Padova, Monza, Brianza e Milano. Sono stati, inoltre, segnalate alla Prefettura altre 20 persone, di età inferiore ai 22 anni, per aver detenuto stupefacente per uso personale. Parallelamente, sono proseguite le attività finalizzate a contrastare l’abusivismo commerciale e la vendita di merce contraffatta: in tale ambito, sono stati sottoposti a sequestro 44 accessori per abbigliamento recanti marchi contraffatti.
Sono stati svolti, inoltre, controlli – al fine di garantire leale concorrenza tra gli operatori commerciali – finalizzati a verificare la corretta certificazione dei corrispettivi da parte dei commercianti durante la citata manifestazione, tenuto anche conto della significativa presenza di ambulanti. Circa una quarantina sono state le attività ispezionate: le irregolarità riscontrate, oggetto di sanzione, sono risultate 21, prevalentemente a carico di esercenti attività di somministrazione di alimenti e bevande, pari a circa il 50% dei controlli strumentali svolti. Nel medesimo arco temporale, non è mancata la collaborazione dei cittadini, che hanno inteso effettuare oltre una decina di segnalazioni al servizio di pubblica utilità 117, in corso di approfondimento.

 

Riproduzione riservata ©