Il giallo del rolex, parla un parente: “E’ stato un furto. In casa? Ecco perché è impossibile”

Se si trattasse di furto colui che se ne è impossessato ha sfruttato lo stato in cui si trovava la donna colpita da un aneurisma cerebrale

Mediagallery

FURTI A CURE PALLIATIVE E DIABETOLOGIA – LEGGI QUI

Un episodio che ha del giallo quello avvenuto ai danni di una donna di 61 anni che si è vista mancare dal polso un prezioso rolex. Il lasso di tempo in cui si indaga è di circa due ore, dalle 21 circa, quando cioè dalla sua casa di Montenero è stata trasportata in ambulanza al pronto soccorso, alle 23, orario della restituzione della busta con gli effetti personali da parte di una infermiera del reparto di Rianimazione. Il fatto è stato denunciato al posto fisso di polizia dell’ospedale e i contorni di questa vicenda sono tutti da chiarire. La famiglia  non rivolge alcuna accusa ma fa notare come l’orologio sia sparito. Un orologio prezioso, non soltanto in termini economici, ma anche e soprattutto affettivi, visto che si tratta del regalo di fidanzamento del marito.
Una svista da parte della famiglia? Un furto? Se fosse la seconda ipotesi colui che se ne è impossessato ha sfruttato lo stato in cui si trovava la donna colpita da un aneurisma cerebrale sfilandoglielo dal polso. Al momento è la seconda possibilità quella più accreditata visto che il marito della donna ha spiegato  di averlo cercato in tutta la casa, ma non è mai saltato fuori. Motivo per cui il giorno successivo si è rivolto alla polizia dell’ospedale.

Sulla vicenda interviene una parente della donna che a Quilivorno.it dice: “Non vogliamo fare nessun appello. Ci indigna il fatto di essere trattati da ladri. Nessuno dei parenti era presente a casa di mia cugina, quindi né Monte dei Pegni, né vendite per ricavare soldi. Tutti i parenti più stretti sono stati avvertiti telefonicamente dal marito. Nessuno di noi ha mai visto mia cugina, ecco perché siamo sicuri che l’orologio sia stato prelevato dal suo polso da qualcuno che ha prestato i primi soccorsi. Tengo anche a precisare che il reparto di rianimazione non è assolutamente coinvolto, il furto è avvenuto o sull’ambulanza o al Pronto Soccorso. Lo ripeto, non in casa perché c’era solo il marito“.

 

Riproduzione riservata ©