Frana un pezzo di scogliera ad Antignano

Mediagallery

Si è staccata nelle scorse ore una frana dalla scogliera di Antignano, tra la Ginestra e i Bagni Sama.  La frana, di medie proporzioni, ha interessato una scoscesa scarpata in roccia (situata all’interno di un’area privata) finendo per scivolare, fortunatamente senza conseguenze per l’incolumità delle persone, su un esteso tratto di arenile demaniale, una porzione del quale, durante la stagione estiva, rientra nell’area gestita dal “Bagnoschiuma”.
La Protezione Civile del Comune di Livorno è intervenuta per valutare la situazione, e sta procedendo all’interdizione dell’area. Sono state inoltre avviate le procedure per far sì che la proprietà privata intervenga con gli opportuni lavori per il ripristino delle condizioni di sicurezza.
Le cause della frana sono da individuare nelle consistenti piogge delle ultime settimane, ben oltre le medie stagionali.
Secondo i geologi del settore Protezione Civile e Sicurezza dei Cittadini, il fenomeno è riconducibile ad un movimento composito di crollo/scivolamento planare, originatosi nella porzione medio-alta della falesia, da cui si è prodotto un corpo di frana costituito da terra frammista a grandi blocchi lapidei, con sviluppo perpendicolare alla falesia stessa e propagazione ovest-sud ovest direttamente verso la spiaggia sottostante.
In basso, a livello della spiaggia, il corpo di frana assume la sua massima larghezza (approssimativamente 20 metri).
Alcuni blocchi di grossa dimensione (un metro di diametro) sono rotolati fin quasi a lambire la linea di battigia. Inoltre, sul fianco destro della frana è stata rilevata la presenza di un costone di roccia aggettante, interessato da importanti fratture che ne determinano una certa instabilità e quindi una forte propensione al crollo.
Nei prossimi giorni, considerato il permanere di uno stato di vigilanza meteorologica sul nostro territorio almeno fino a tutta la giornata di giovedì 27 novembre, la frana continuerà ad essere monitorata dalla Protezione Civile.

Riproduzione riservata ©