In fuga dopo l’incidente: inseguito e preso

Mediagallery

Nella serata di martedì 15 settembre, mentre stava transitando libero dal servizio in via delle Cateratte, un maresciallo della guardia di finanza appartenente alla Squadra Cinofili del Gruppo di Livorno, si è accorto che era avvenuto un incidente stradale nel quale un’auto aveva mancato di precedenza ad uno scooter. Immediatamente si è prodigato per prestare le prime cure al ferito riverso a terra e visibilmente dolorante e ha subito chiamato la centrale 117 per l’invio degli agenti della polizia municipale per i rilievi dell’incidente appena avvenuto.
Durante le operazioni di gestione della circolazione stradale, ad opera dello stesso sottufficiale, il ferito si è dato subito alla fuga sottraendosi anche alle cure dell’ambulanza giunta sul posto per i soccorsi. A questo punto il finanziere, in collaborazione con una pattuglia motociclista della polizia municipale intervenuta prontamente sul posto, si è messa sulle tracce dell’uomo che è stato fermato all’altezza del Mercatino Americano.
A seguito di ulteriori accertamenti il veicolo sul quale stava viaggiando lo straniero, privo di documenti di identità e permesso di soggiorno, risultava essere stato rubato il giorno prima a Pisa. Accompagnato prima al pronto soccorso di Livorno per le cure, dove dava in escandescenza rifiutando l’intervento dei medici e opponendo resistenza agli agenti di polizia municipale che lo tenevano in custodia, è stato successivamente portato al comando di Polizia Locale dove è stato trattenuto fino al giorno seguente per le operazioni di identificazione.
Al termine delle operazioni il conducente del veicolo rubato, risultato di nazionalità tunisina, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per i reati di ricettazione, violazione delle norme sull’immigrazione, guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, guida senza patente e resistenza a pubblico ufficiale.
Il motociclo oggetto di furto veniva restituito al legittimo proprietario. Allo straniero veniva inoltre notificato un decreto di espulsione dal territorio dello Stato.

Riproduzione riservata ©