Droga, scovati al Cisternino oltre 9 chili di eroina

Mediagallery

Nel pomeriggio del 17 novembre, sfruttando gli indizi derivati da una notizia confidenziale che riferiva di attività di spaccio nella zona della struttura muraria “Anas” in via Pian di Rota, gli agenti della squadra mobile hanno realizzato un servizio di osservazione, finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti al Cisternino, luogo periferico ed abitualmente frequentato da spacciatori di droga stranieri. Nel mirino sono finiti due bidoni in plastica che potevano far pensare ad un segnale convenuto. Giunti sul retro, i poliziotti notavano un sacco di plastica nero, solitamente utilizzato per l’immondizia. Una volta aperto, gli agenti hanno visto che all’interno vi era un ulteriore sacco della medesima natura, contenente panetti di sostanza compatta di colore beige, avvolti da cellophane trasparente, apparentemente riconducibili all’eroina. Nell’attesa che qualcun’altro venisse a prelevarla, è stato richiesto l’ausilio di ulteriori due pattuglie della squadra mobile. Che, giunte poco dopo sul posto, si posizionavano in zona per effettuare un più attento servizio di osservazione. Tuttavia, a causa dell’inizio di una pioggia battente, veniva deciso di rimuovere il sacco, dopo aver fotografato lo stato dei luoghi. All’interno dei due sacchi, posti uno dentro l’altro, vi erano 19 panetti che, grazie al contributo del personale del locale gabinetto di polizia scientifica, risultavano essere pieni di eroina, per un peso complessivo a lordo di circa nove chili e mezzo. Il tutto è stato debitamente sequestrato.

Riproduzione riservata ©