26enne incinta aggredita a colpi di stampella per un parcheggio, 21 giorni di prognosi. La vittima: “Mi hanno rotto il naso”

Il fidanzato è rimasto attonito davanti alla scena di violenza. La futura mamma ha riportato 21 giorni di prognosi

Mediagallery

LIVORNO – Folle aggressione ieri sera, martedì 14 gennaio, intorno alle 20,30 nel parcheggio di Largo Bellavista all’inizio del lungomare del viale Italia. Una donna di 26 anni, al quinto mese e mezzo di gravidanza, è stata violentemente picchiata a colpi di stampella da un uomo di circa 40. Il motivo? Un posto auto. La 26enne ha riportato 21 giorni di prognosi. Al caso indagano i carabinieri. I militari intervenuti sul posto hanno raccolto le versioni delle due parti e quelle di due testimoni. Al momento non risultano esserci arresti, né denunce a carico dei presunti aggressori. La vittima si è riservata di fare querela.

I fatti Era pressappoco l’ora di cena quando la futura mamma insieme al compagno, al volante della sua auto, stava uscendo dal parcheggio che si estende tutto intorno alla stazione di benzina di Largo Bellavista. Dietro di lei, un’altra macchina che aspettava di prendere il posto che di lì a pochi minuti sarebbe stato libero.
Alle sue spalle però iniziano i colpi di clacson e il vociare contro la 26enne alla guida che stava cercando di uscire dal posteggio facendo retromarcia. “Muoviti, fai veloce”, con tanto di strombazzata scocciata. La ragazza, abbassando il finestrino e sporgendosi con la testa fuori dall’abitacolo, ha dunque invitato i due occupanti l’autovettura in attesa di non avere furia. Lo scambio di battute è poi proseguito e i toni si sono presto accesi fino a quando i due uomini che stavano aspettando che si liberasse il parcheggio hanno deciso, ormai su tutte le furie, di scendere di macchina per dirigersi verso la 26enne al volante e verso il compagno che le stava accanto. I quattro si sono trovati così, in men che non si dica, viso a viso e dalle parole si è passati ai fatti tanto che uno di loro, che stava camminando grazie ad una stampella, ha deciso di sferrare un colpo dell’attrezzo sanitario sul volto della giovane donna incinta davanti agli occhi attoniti del fidanzato che è rimasto come pietrificato davanti a quella scena di violenza gratuita.

L’urto è stato molto duro tanto che la stampella è andata a colpire il labbro e il setto nasale della ragazza che è così caduta a terra dolorante e sanguinante. Tra le urla, lo spavento e il caos, il fidanzato è riuscito fortunatamente a chiamare con il cellulare il 118. Sul posto si è precipitata dunque un’autoambulanza della Misericordia di via Verdi con medico a bordo che ha prestato immediato soccorso alla donna incinta la quale cadendo aveva riportato anche dei traumi addominali. La giovane, a seguito di quanto subito, aveva infatti  vomitato e la sua preoccupazione più grande è stata immediatamente legata alla salute del bambino che porta in pancia. La 26enne è stata trasportata d’urgenza in ospedale dove è stata visitata e curata. Sul posto sono intervenuti poi le forze dell’ordine che hanno ascoltato le testimonianze dei presenti e le versioni fornite dai diretti interessati. Non è escluso che l’autore dell’aggressione adesso venga denunciato per lesioni aggravate.

La vittima dell’aggressione questa mattina, mercoledì 15 gennaio, ha scritto alla redazione di Quilivorno.it lasciando un commento sotto all’articolo in questione: “E’ tutto vero comunque posso dirvi che sto abbastanza bene a parte una frattura al naso. Grazie a tutti”

Riproduzione riservata ©