Fotografano il Romito: derubate di 10mila euro

Mediagallery

Raffica di colpi in un solo giorno, il 4 febbraio, e grande lavoro per la polizia chiamata a intervenire per i sopralluoghi in più parti della città. Il più curioso è senz’altro il primo, avvenuto al Romito.

Derubate mentre fotografano il Romito. E’ accaduto intorno alle 15,30. Vittime alcune straniere di nazionalità rumena che con l’auto si erano fermate vicino al ristorante Il Romito. Al loro ritorno alla macchina, dopo circa 10-15 minuti, hanno notato che ignoti avevano infranto il vetro laterale posteriore e asportato le tre valigie delle donne: all’interno, oltre ad oggetti personali, circa 10mila euro in banconote italiane e rumene, documenti e telefoni cellulari. Le malcapitate sono state invitate dalla polizia a sporgere denuncia.

Altro sopralluogo di furto, effettuato dalla polizia, intorno alle ore 19 in via Ugo Foscolo. La vittima, una livornese del ’54, si era allontanata dalla propria abitazione intorno alle 17,30 per farvi rientro alle 18,30 circa accorgendosi immediatamente che la porta di casa precedentemente chiusa con tutte le mandate risultava invece chiusa senza mandate. Ignoti si erano introdotti nell’appartamento rovistando nelle camere da letto e nella sala asportando numerosi monili in oro per un valore di circa cinquemila euro. Sul posto anche la polizia scientifica, mente i proprietari sono stati invitati a sporgere denuncia dopo aver fatto un accurato inventario.

Altro sopralluogo di furto alle 19 in via Pacinotti, dove i ladri approfittando dell’assenza della proprietaria, del ’33, sono entrati in casa dopo aver rotto una delle persiane del soggiorno e infranto il vetro della relativa porta finestra. Nella circostanza gli autori una volta all’interno avevano tentato di far tacere la sirena dell’allarme staccandola dal suo alloggiamento, ma poiché tale sistema d’allarme è collegato con l’istituto di vigilanza Vesuvio 2, la guardia giurata è intervenuta prontamente mettendo di fatto in fuga il ladro. Anche in questo caso la vittima è stata invitata a formalizzare la denuncia.

Intorno alle ore 12 le volanti si sono portati in piazza Matteotti, dove il proprietario aveva rinvenuto il proprio scooter rubato il 25 gennaio 2016. A dare l’allarme era stato un collega della vittima che aveva visto un cittadino, probabilmente nordafricano, posteggiare il Kimco People 150. Lo straniero, scoperto, si è dato alla fuga in direzione centro città senza riuscire a portare via quello che aveva nascosto sotto la sella: un bilancino di precisione ed un pezzo di sostanza solida di colore marrone, del peso di 14,2 grammi, che da successive analisi laboratorio è risultata essere hashish.

Riproduzione riservata ©