Controlli antidroga, in tre finiscono in manette

Mediagallery

Tre arresti. E’ l’esito dell’attività antidroga che, nel pomeriggio di martedì 24 settembre, ha consentito ai carabinieri di identificare i tre pusher ed altrettanti consumatori.
A finire in manette con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti sono stati Massimo Terreni, pregiudicato 51enne, di Livorno; Denise Carlini, 40enne di Livorno e  Hassen Zidi, 23enne di origine tunisina ma domiciliato a Livorno.
In particolare Massimo Terreni, attualmente agli arresti domiciliari, è stato sorpreso dai carabinieri mentre, approfittando delle quattro ore di permesso giornaliere concessegli, era intento a cedere alcune dosi di eroina in via Garibaldi a due uomini successivamente segnalati alla Prefettura come assuntori di stupefacenti.
Identica sorte è toccata agli altri due pushr, Carlini e Zidi,  entrambi sorpresi, sempre in via Garibaldi, a cedere una dose di eroina ad un 60enne livornese. Quest’ultimo, anch’esso segnalato all’autorità prefettizia, è stato anche denunciato in stato di libertà per il reato di favoreggiamento, avendo reso ai militari, al momento del controllo, false dichiarazioni sull’attività di spaccio. Le successive perquisizioni estese anche alle abitazioni dei tre arrestati, hanno poi consentito di sequestrare ulteriori 7 grammi. di eroina, una bilancina di precisione nonché la somma contante di 1.300 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio.

Riproduzione riservata ©