Caso Lonzi, il giudice riapre le indagini

Mediagallery

Ennesimo colpo di scena sull’ormai nota morte di Marcello Lonzi, il detenuto deceduto all’interno del carcere delle Sughere nell’ormai lontano 11 luglio 2003. A distanza di più di dieci anni il giudice per le indagini preliminari, Beatrice Dani, respinge la richiesta di archiviazione chiesta dalla Procura e impone, con un provvedimento di cinque pagine depositato in cancelleria del tribunale penale di via Falcone e Borsellino, nuovi accertamenti da effettuare. Le nuove indagini che il Gip ha chiamato ad espletare, dovranno essere utili a chiarire una volta per tutte i molti dubbi che ancora aleggiano sulla tragica vicenda.
Il caso più volte è stato tentato di archiviare come “morte naturale” del detenuto. Una spiegazione a cui la madre di Marcello Lonzi, Maria Ciuffi, non ha mai voluto credere.
Adesso ci saranno dunque ancora sei mesi di tempo per riformulare le ipotesi che portarono al decesso il giovane livornese quella sera d’estate di 11 anni fa.

Riproduzione riservata ©