Carabinieri, 20mila controlli e 85 arresti in estate

Mediagallery

Anche quest’anno, la stagione estiva appena conclusasi ha visto i carabinieri del comando provinciale di Livorno fortemente impegnati nelle molteplici operazioni di controllo del territorio e di contrasto ai reati in genere. L’attività, portata avanti dalle diverse componenti territoriali dell’Arma di Livorno (comandi Compagnia di Livorno, Cecina, Piombino e Portoferaio) ha fatto registrare nuovamente risultati significativi.
Nel trimestre giugno-luglio-agosto, l’attività dell’Arma ha visto impiegate, nel complesso, oltre 7000 pattuglie (circa 78 al giorno, con il conseguente impiego di oltre 10.000 militari) impegnate nel controllo di aree urbane ed extraurbane, delle località maggiormente prese d’assalto dai vacanzieri, della circolazione stradale e nel contrasto all’abusivismo commerciale. Nel corso di tali operazioni, i militari hanno tratto in arresto 85 persone e ben 548 denunciate in stato di libertà. Il complesso dispositivo ha consentito inoltre di elevare il numero dei reati scoperti, ben 581.
In particolare, sono state tratte in arresto 18 persone per reati contro il patrimonio e denunciate in stato di libertà altre 48, mentre nell’ambito dell’attività posta in essere contro il fenomeno della produzione e dello spaccio di sostanze stupefacenti i militari sono riusciti a sequestrare oltre 2 chili. di droga e a trarre in arresto 19 persone.
Nel corso dei numerosi posti di controllo e di blocco attuati dai militari, sia in aree urbane che nelle principali arterie stradali della provincia, anche nel contesto dei servizi periodicamente svolti per prevenire le cosi dette “stragi del sabato sera”, sono stati sottoposti a controllo oltre 21.300 mezzi. In tale ambito è stata posta particolare attenzione ai controlli alla circolazione stradale, specie alla prevenzione dei comportamenti di guida pericolosa (guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti) e, nel complesso, sono state elevate ben 1.180 contravvenzioni, riscossi ben  123.000 euro di proventi, e ritirate 62 patenti di guida. In 11 casi, ad alcuni degli automobilisti fermati, è stato riscontrato un tasso alcolemico di gran lunga superiore al limite consentito.
Numerosi controlli sono stati inoltre effettuati anche nel contrasto all’abusivismo commerciale ed alla contraffazion, in pieno coordinamento con le altre forze di polizia e le polizie municipali. I controlli, nello specifico, sono stati rivolti soprattutto al commercio ambulante sui lungomare, sulle spiagge e nelle zone più frequentate dai cittadini e dai turisti.
Il bilancio complessivo ha fatto registrare il sequestro, penale ed amministrativo, di oltre 350 capi di merce contraffatta, del valore stimato di oltre 12.000 euro
Da segnalare, infine, l’intensa e delicata attività svolta dagli operatori del 112, impegnati nelle diverse centrali operative delle Compagnie della provincia, i quali hanno dovuto gestire oltre 18.700 richieste di intervento da parte dei cittadini e dei numerosi turisti stranieri presenti sul territorio.

Riproduzione riservata ©