“Cala”, operato il bimbo morso. Multa al padrone: un turista

Mediagallery

E’ stato operato in chirurgia plastica all’ospedale di Cisanello il bambino morso da un rottweiler alla Cala del Leone che ora si trova ricoverato al Santa Chiara. Il peggio dunque sembra passato anche se questo episodio si porta dietro una coda di polemiche a non finire, basti vedere le decine di commenti all’articolo.

La cronaca dell’accaduto – Un bambino di 9 anni, il 28 agosto, è stato azzannato al volto da un rottweiler, di proprietà di un turista di Quarrata, mentre si trovava con i genitori e il fratellino alla Cala del Leone. Sul posto è intervenuta la misericordia di Montenero supportata da un gommone della guardia costiera che lo ha trasportato al moletto di Antignano, dove ad attendere l’arrivo del mezzo nautico c’era l’ambulanza che ha nuovamente preso in carico il piccolo per il trasporto all’ospedale. Soccorso difficile e delicato vista l’età e il luogo. Durante il tragitto è stata allertata la shock room, poi la decisione di trasferirlo a Cisanello. Il ragazzino è rimasto sempre cosciente. A preoccupare, in particolare, sono la ferita sulla fronte, giudicata profonda, e nella zona cranica. Ancora da capire i motivi che hanno spinto il cane ad aggredirlo. Forse il piccolo voleva accarezzare l’animale che però ha reagito. Non rischia la vita, ma la paura è stata tanta per il padre e i presenti. Il proprietario del cane, sotto choc, si è allontanato pur lasciando un numero di telefono. Il cane era senza guinzaglio. I vigili urbani eleveranno una multa di cinquanta euro al turista perché il cane non aveva appunto il guinzaglio pur se la legge lo prevede.

La testimonianza – Secondo alcuni testimoni il bimbo era in acqua e si è tuffato da uno scoglio. Il cane, anche lui in acqua, non appena ha visto il bimbo riemergere dall’acqua gli è andato addosso forse scambiandolo per una palla con cui giocare e comunque senza alcuna intenzione aggressiva. L’intervento immediato del padre del bimbo ha evitato il peggio.

Riproduzione riservata ©