Sparge benzina sopra i muri di casa e sugli abiti. “Mia moglie vuole separarsi”: arrestato 53enne

L'uomo è stato portato alle Sughere con l'accusa di tentata strage e incendio doloso

Mediagallery

Non aveva accettato la separazione chiesta dalla moglie con la quale sta ancora vivendo  all’interno delle mura di casa sua. La stessa casa che ha cosparso di benzina e ha minacciato di dar fuoco dopo aver fatto un bagno di liquido infiammabile lui stesso. L’episodio raccapricciante è accaduto in via delle Soegenti la notte tra sabato e domenica quando le volanti della polizia sono dovute intervenire per ben tre volte all’interno dell’appartamento a causa di ripetuti gesti di estrema violenza. La prima chiamata effettuata dal 113 da parte della moglie spaventata era perché l’uomo, un 53enne livornese di professione giardiniere, aveva dato in escandescenza e stava spaccando la mobilia della casa.
Il secondo sopralluogo delle volanti a pochi minuti di distanza per un’altra litigata furente che però era stata sedata dagli agenti.
Poi l’ultimo disperato e accorato Sos della donna che ha richiesto nuovamente l’intervento degli uomini della questura perché il marito aveva cosparso venti litri di benzina spargendo il liquido infiammabile contenuto in due taniche da dieci litri sui muri di casa e addosso ai suoi abiti. Subito dopo ha minacciato di dar fuoco a tutto e a tutti brandendo un accendino nella sua mano.
Il motivo di tutto ciò? Sembra che il 53enne non avesse accettato la richiesta di separazione della moglie.
Per fortuna, i poliziotti sono intervenuti repentinamente e hanno bloccato l’uomo arrestandolo prima che potesse compiere una tragedia e far saltare in aria il palazzo.
Il responsabile del gesto è stato portato alle Sughere con l’accusa di tentata strage e incendio doloso.

Riproduzione riservata ©