Armato semina il panico a Shangai, preso

Mediagallery

Sorpreso a seminare il panico per le strade di Shangai con una grossa pistola di metallo. E’ successo domenica pomeriggio. Protagonista un livornese di 48 anni.
L’uomo stava terrorizzando il quartiere. Secondo la ricostruzione dell’accaduto, in via Cestoni era riuscito a entrare all’interno di un’auto in sosta. Quando il proprietario è sceso in strada, sentendo degli strani rumori, e ha visto che dentro la sua Musa era presente una persona, l’uomo a bordo ha impugnato la pistola mostrandogliela. Poi è fuggito.
Poco dopo un altro residente ha visto la persona armeggiare intorno al proprio mezzo e ha fermato una volante che in quel momento si trovava in pattugliamento. Tuttavia, il 48enne anche in questo caso era già riuscito a scappare.
Alla fine, dopo lunghe ricerche nel quartiere, la polizia è riuscito a rintracciarlo. La volante ha notato un Ape in via Mastacchi, angolo via dell’Antimonio, con il lunotto rotto. Insospettiti, i poliziotti si sono fermati notando alla guida un uomo che corrispondeva alla descrizione di quello che girava armato.
A quel punto, i poliziotti hanno fermato l’Ape e controllato il conducente. Questi all’inizio ha detto che l’Ape era suo, poi è emerso che era stato rubato in via dell’Oriolino la notte stessa a un livornese di 51 anni. Dai controlli è anche emerso che il soggetto aveva la patente revocata.
Gli agenti lo hanno denunciato (per l’arresto la flagranza era già trascorsa) per rapina impropria, ricettazione dell’Ape, guida senza patente, rifiuto di fornire le generalità, resistenza violenza e minacce a pubblico ufficiale. L’uomo era già noto alle forze dell’ordine. La pistola è risultata finta.

Riproduzione riservata ©