“Allarme bomba”, arrivano gli artificieri

Mediagallery

Paura per un oggetto sospetto in via della Madonna a pochi passi dal tribunale penale di via Falcone e Borsellino nel cuore del quartiere Venezia (foto in pagina di Simone Lanari). A destare il sospetto di un agente della squadra mobile della questura di Livorno è stato un cilindro di cartone, simile all’anima dei rotoli di carta igienica, riempito di una sostanza bianca. Così, intorno alle 10 di martedì 7 giugno, sul posto sono stati chiamati gli artificieri della questura e la strada è stata chiusa con del nastro isolante che ha interdetto il passaggio ai pedoni e ai mezzi per oltre mezz’ora. Il tempo necessario per sincerarsi della situazione. Per fortuna, dopo l’ispezione i controlli effettuati dagli agenti speciali, si è capito che si poteva tranquillamente parlare di un falso allarme. Nessun congegno, nessuna batteria, nessun ordigno esplosivo insomma.
La situazione è tornata alla normalità intorno alle 10,30 quando la strada è stata riaperta. Il contenuto del cilindretto di cartone poi si è scoperto trattarsi di semplici chicchi di riso.

Riproduzione riservata ©