Al volante di una Bmw con patente falsa

Raffica di controlli stradali da parte della polizia. Dalle ore 19 all'1 del 24 marzo 59 le persone controllate e 18 i veicoli. Un 39enne denunciato per uso di atto falso

Mediagallery

Raffica di controlli stradali da parte della polizia. Il servizio, coordinato e pianificato dalla Questura di Livorno, ha visto coinvolte anche tre volanti del Reparto Prevenzione Crimine di Firenze. Dalle ore 19 all’1 del 24 marzo 59 le persone controllate e 18 i veicoli, 1 fermo amministrativo e 1 carta di circolazione ritirata. I servizi di prevenzione e controllo proseguiranno nelle prossime settimane. Ecco i tre servizi più significativi.

Patente falsa – Sorpreso con patente falsa al volante di una Bmw. E’ accaduto il 24 marzo intorno alle 21. Il conducente, un italiano di 39 anni, è stato denunciato in stato di libertà dalla polizia per uso di atto falso. La patente mostrata dall’uomo ha subito insospettito i poliziotti e dai successivi controlli in questura è emerso che era falsa, appunto, in quanto priva dell’ologramma e i caratteri non erano conformi all’originale. Il 39enne, ormai scoperto, ha ammesso che la patente mostrata era falsa e che la stava usando in quanto quella vera gli era stata revocata. La vettura, intestata all’uomo, è stata sottoposta al fermo amministrativo per tre mesi.

Spinello in auto – Alle 23,35, in via Pian di Rota, è stata controllata un’altra Bmw con tre uomini a bordo (romeno classe ’86, titolare di patente di guida e con precedenti per reati contro il patrimonio, un polacco del ’96 con vari precedenti per reati contro la persona ed il patrimonio e un altro romeno del ’97 senza fissa dimora). All’atto del controllo il cittadino polacco si è mostrato nervoso ed insofferente e da un successivo controllo è stato trovato in possesso di uno spinello e di 1,5 grammi di marijuana. Per questo l’uomo è stato sanzionato amministrativamente.

Mancata esibizione di documenti – Accompagnati in questura tre stranieri extracomunitari (del Senegal) di cui due di anni 30 e 48 anni che dopo i controlli sono stati denunciati in stato di libertà per mancata esibizione di documenti identificati. Inoltre a tutti e tre è stato notificato il decreto di espulsione dal territorio nazionale.

 

 

Riproduzione riservata ©