Addio al compagno Luca, si è spento a 54 anni

Mediagallery

E’ scomparso prematuramente Luca Magnolfi, compagno e amico da sempre. Aveva cinquantaquattro anni. Lascia la moglie Isabella, Camilla (in arrivo il nipotino che non conoscerà mai), Giacomo, e tutta la sua grande famiglia. Il funerale di Luca si svolgerà giovedì 3 settembre alle ore 15:30 partendo dalla camera mortuaria .
“Luca e la sua missione per lo sport di tutti! Fra le tante cose che Luca ci lascia e lascia al mondo Livornese dello sport, c’è n’è una più di tutte che ci piace ricordare: la sua massima che portava avanti con una convinzione, seppure con scarsissima corrispondenza da parte delle Istituzioni, che sembrava ai più quasi un inutile presa di posizione: lo Sport è di tutti e deve essere per tutti”.
Luca era così e questa sua verve di sposare le cause perse, di appassionarsi per le missioni impossibili, per le storie di vita più crudeli, per la giustizia sociale e nel mondo dello Sport, aveva reso Luca il dirigente sportivo del popolo.
La Giunta Provinciale del Coni con lui consigliere e Gino Calderini Presidente, aveva raggiunto livelli di attenzione per le “fasce deboli” inimmaginabili. i risultati concreti erano sempre molto meno tangibili dei buoni propositi, ma quelli raggiunti diventavano tutti esempi da mettere in bacheca, e resteranno per sempre i ricordi di battaglie vinte che si traducevano in sorrisi e gioie sui campi ,che ripagavano gli sforzi con una intima soddisfazione che faceva riscaldare il cuore.
Luca se ne va così giovane da provocare in ognuno di noi un immenso dolore;
un dolore rivolto non tanto a chi resta, perché lui avrebbe voluto vedere tutti felici, i suoi figli soprattutto, ma a lui., perché gli ultimi suoi anni di vita erano stati davvero una prova dura.
In una società e un mondo del lavoro che se ti espelle, non vuole più darti altra possibilità, l’unica ancora di salvezza è salvare almeno la propria dignità e se in generale questa privazione è un colpo difficile da superare, per una persona intelligente e acuta come Luca lo è stato ancora di più. A chi lo ha conosciuto più da vicino resterà però per sempre il ricordo di quello che Luca è stato: un uomo probo, un uomo giusto, un uomo vero.

Riproduzione riservata ©