Accoltella il rivale che prova a calmarlo, arrestato

Mediagallery

Aveva creato scompiglio in Scali Novi Lena la notte del 6 luglio scorso quando ubriaco ed armato di coltello aveva provato a farsi giustizia dopo essere stato allontanato da uno dei locali della movida, minacciandone l’addetto alla sicurezza.
Completamente fuori di sé l’uomo, pregiudicato albanese 40enne, aveva poi ferito gravemente all’addome un conoscente, un 24enne turco, Artur Petrela, colpevole soltanto di aver provato a fare da paciere ed a ricondurlo alla calma. Era stato proprio quest’ultimo, prima di essere sottoposto ad un intervento chirurgico di urgenza, ad indirizzare le indagini dei Carabinieri del N.O.Rm. di Livorno verso l’aggressore.
Gli indizi raccolti “a caldo” dai militari hanno permesso di delineare un preciso quadro indiziario a carico del Petrela ed hanno condotto alla conseguente misura cautelare in carcere da parte del Gip del Tribunale di Livorno.
Il provvedimento è stato notificato in carcere dai militari del Ten. Leonardo Bricca A dove l’uomo, con precedenti per spaccio, si trovava già dallo scorso 1° settembre. In quella circostanza, gli uomini del N.O.Rm. lo avevano arrestato avendo questi, già destinatario di espulsione nel dicembre 2008, violato i termini previsti per il rientro in Italia: nel corso della perquisizione personale era stato anche trovato in possesso di un passaporto falso.

Riproduzione riservata ©