Call Center Comdata verso nuove commesse

L'azienda sta cercando di portare nuove commesse su Livorno, ma, al momento, non e' purtroppo possibile pensare di assumere ulteriore personale

Mediagallery

Il 23 febbraio al MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) si è svolta la prima riunione di monitoraggio della situazione lavorativa del call center di Guasticce. All’incontro romano con i funzionari ministeriali e regionali, erano presenti oltre alle rappresentanze sindacali e all’azienda Comdata, anche l’assessore Francesca Martini, per il Comune di Livorno e il sindaco Lorenzo Bacci per quello di Collesalvetti.
Comdata ha confermato che al momento il sito di Livorno lavora prevalentemente sulla commessa della Seat, la quale peraltro sta prospettando un calo di traffico. L’azienda sta cercando di portare nuove commesse su Livorno, ma, al momento, non e’ purtroppo possibile pensare di assumere ulteriore personale.
Comdata ha già assunto 162 lavoratori, di cui 157 operatori, a tempo indeterminato, ma già oggi un calo di traffico del maggiore cliente SEAT pone seri problemi di riuscire a saturare tutti gli operatori.
Comdata ha comunque messo in cantiere una serie di azioni per stabilizzare il sito di Livorno: ha vinto la gara regionale per la promozione delle vaccinazioni, ed è impegnata a portare ulteriore lavoro su Livorno, ha inoltre proceduto a fare un’azione di scouting commerciale sul territorio livornese.

Al termine della riunione l’assessore Martini fa il punto della situazione: “Riconosco senza dubbio il clima positivo dell’incontro e la serietà dell’azienda che, nonostante le difficoltà di un mercato fortemente competitivo, conferma di voler consolidare il call center di Livorno e l’intenzione di portare nuove commesse sul territorio. Prendo purtroppo atto che nonostante questi significativi sforzi, al momento non è possibile un prossimo riassorbimento dei lavoratori rimasti fino ad oggi esclusi. Per queste persone gli ammortizzatori sociali non sono più sufficienti e vista l’età di molti di loro, perdurano le difficoltà di una ricollocazione. E’ importante però che questi lavoratori non vengano dimenticati: auspico che la Regione attivi anche dei percorsi di formazione e riqualificazione professionale mirati a una ricollocazione lavorativa nell’ambito dell’accordo di programma”.
“Personalmente ho richiesto che venga convocato un incontro in Regione per informare tutti gli attori dell’ex vertenza PeopleCare, quindi anche coloro che non sono stati riassunti, sia dell’esito dell’incontro odierno che di tutti gli impegni messi in campo da Governo, Regione ed Enti Locali derivanti anche dall’Accordo di Programma”, ha dichiarato il sindaco di Collesalvetti Lorenzo Bacci, presente all’incontro.

Riproduzione riservata ©