Colle inguaiata dal giudice. “Ora pagate 4 milioni”

Mediagallery

Venerdì 12 febbraio è stata pubblicata la sentenza del Tribunale di Livorno relativa alla causa proposta dal Comune di Collesalvetti per accertare se il Comune fosse o meno tenuto a pagare la fideiussione rilasciata dalla Giunta Nista in favore della Sesport per la realizzazione della “Cittadella dello Sport”. La sentenza parla chiaro: il Comune dovrà pagare ben 4 milioni di euro, circa un terzo dell’interno bilancio comunale. Un’infinità.
Sull’argomento si è espresso il sindaco di Collesalvetti, Lorenzo Bacci, con un intervento ufficiale sulla sua pagina facebook che riportiamo qua sotto fedelmente:

“Nonostante le gravi censure mosse dalla Procura della Repubblica di Livorno verso l’operato di Sesport e di tutti gli altri soggetti coinvolti nell’operazione, anche a prescindere dai risvolti penali, il Tribunale ha ritenuto che il testo della garanzia a suo tempo rilasciata dal Comune fosse tale da non potersi oggi sottrarre al pagamento.
La causa nasceva dall’esigenza di contrastare la pretesa delle Banche finanziatrici che avevano preannunciato l’inizio dell’azione esecutiva, onde evitare l’esborso di una somma così ingente (oltre 4 milioni di euro), a fronte delle prime risultanze dell’inchiesta e del contenuto delle perizie acquisite dalla Procura della Repubblica, da cui emergeva un quadro tale, anche a carico delle Banche, da far dubitare della effettiva doverosità di pagare la fideiussione da parte del Comune.
Il risultato era, e rischia assurdamente di essere, fatti salvi gli esiti dell’appello che verrà ovviamente proposto nell’immediato, il seguente: Sesport ha beneficiato dell’intero finanziamento garantito dal Comune, ha realizzato un impianto di valore ampiamente inferiore all’importo del finanziamento incassato, non ha restituito il denaro alle Banche, e il Comune deve pagare al posto suo, per un impianto che vale molto molto di meno.
Mi sono trovato a dover gestire questo enorme problema già all’indomani della mia prima elezione. Un problema creato da altri e sul quale io ho inteso far chiarezza su tutti i fronti
.Nessuna pronuncia o provvedimento giudiziale ha potuto negare i fatti: delle due inchieste penali, una è stata dichiarata prescritta dal Giudice (l’esposto era stato però presentato molto tempo prima che scattasse la prescrizione e, comunque, il giudice ha riconosciuto rilevanti profili di reato da parte dei protagonisti della vicenda) mentre l’altra è sempre pendente.
Quella civile, definita in primo grado con la sentenza di oggi, non ci soddisfa, ma troverà comunque ulteriori sviluppi con le impugnazioni consentite dalla legge, posto che secondo i legali dell’Ente esistono ampi e fondati margini per l’appello, con istanza di sospensione dell’efficacia esecutiva della sentenza stessa.
Qualunque sia l’esito di questa vicenda, mi resterà la serenità e la coscienza di aver fatto tutto il possibile perché questa operazione dissennata non arrivi a produrre danni immani, che rischierebbero di portare il Comune in condizioni di inoperosità forzata per una lettura, quella espressa in primo grado dal Tribunale di Livorno, che è a dir poco priva di senso, a maggior ragione considerando gli atti che il giudice aveva in mano per giudicare e sui quali presto potremo informare anche la cittadinanza”.

Lorenzo Bacci
Sindaco di Collesalvetti

Riproduzione riservata ©