Ad Effetto Venezia i big di “Amici”. E su facebook un “contro-evento” di protesta alla Terrazza, 90 commenti

I quattro artisti sono attesi domenica 28 luglio sul palco Amedeo Modigliani di piazza del Luogo Pio

Mediagallery

IL VIDEO UFFICIALE DI MORENO “CHE CONFUSIONE” – CLICCA E GUARDA

LA PAGINA FACEBOOK “I NEMICI DI MARIA” – CLICCA E GUARDA

LIVORNO –  La notizia ha avuto conferma  soltanto nella tarda serata di lunedì 15 luglio a distanza di poco meno di due settimane dall’evento . Domenica 28 luglio, la terza serata della manifestazione di Effetto Venezia, i quattro finalisti della nota trasmissione di “Amici” sbarcheranno sul palco principale di Effetto Venezia, che sarà dedicato ad Amedeo Modigliani, dando vita ad una performance ideata esclusivamente per il pubblico livornese. Si tratta del rapper Moreno Donadoni, delle cantanti Greta Manuzi e Verdiana Zingaro, e del ballerino Nicolò Noto.
Attesissimo il vincitore Moreno che sta spopolando in radio in questi giorni con la sua hit “Che confusione” tratta dal suo album “Stecca”.

La notizia in città non ha mancato di far parlare e di far piovere critiche tanto che su facebook è nata una pagina “I nemici di Maria” (clicca in alto in pagina per accedere alla pagina) dove viene organizzata una Jam Session di protesta lo stesso giorno e in contemporanea all’esibizione degli artisti del talent show di Maria De Filippi.
Allo stato attuale delle cose i partecipanti, coloro i quali hanno cliccato il pulsante “parteciperò” all’evento sono circa 440. Un bel numero se si conta che la pagina è spuntata solo nella tarda mattinata di martedì 16, appena dodici ore dopo circa la pubblicazione della notizia.

Ecco quanto scrive chi ha organizzato l’evento di protesta sulla pagina facebook: “Come già sapete il 28 Luglio ad Effetto Venezia arriveranno i “4 big” di Amici…questo evento nasce semplicemente per far sentire la voce di quella parte della città che non condivide questa direzione artistica dell’evento principe dell’estate livornese. Mesi di tira e molla, “non ci sono soldi”, “quest’anno concentreremo il programma in meno giorni” etc etc e poi l’evento principale e più “propagandato” è l’ennesimo prodotto dei talent show…sicuramente ci sarà una parte consistente della città a cui andrà benissimo, beh…con questo evento vogliamo riunire tutti coloro che contestano questa scelta e molte altre che l’hanno preceduta, Livorno deve far sentire la propria voce, non solo le tante chiacchiere che ognuno di noi fa sui social network ogni giorno, ma con i fatti, trovandosi tutti insieme per una serata che deve essere prima di tutto una festa ma anche un segnale alle istituzioni cittadine perché si può e si deve far meglio. Il tutto nasce molto spontaneamente, non c’è “direzione” dell’evento, molto probabilmente non ci sarà un palco, non ci sarà corrente, non ci sarà un bar, semplicemente ci troveremo tutti lì per stare tutti assieme, portate strumenti musicali e tutto ciò che volete, chi vorrà potrà suonare e cantare, ballare, giocare, ognuno libero di fare cosa vuole, importante sarà approfittare della situazione per riunire in quella sera tutto il “malcontento artistico” in modo da poterci confrontare ma anche per dare un segnale di vitalità alla città” .

Riproduzione riservata ©