Tamburini (Lega Nord): Sos sicurezza. Troppa microcriminalità

Mediagallery

Domenica leggendo i quotidiani locali  vedo  che molta parte dell’informazione è dedicata alle mirabolanti imprese della cosiddetta micro criminalità, rapina con coltello alla chebbabberia, rubati oro e fedi nuziali in via Maggi, a Stagno una anziana signora viene aggredita, tentato furto in un fondo in via Mazzini, in Corso Amedeo faccia a faccia con una ladra armata di cacciavite, facile immaginarne l’etnia, provano a rubare nel bar “La Terrazza”, insomma quasi un bollettino di guerra ed un’attività che purtroppo non conosce momenti di crisi Poi all’inizio di ogni anno ci viene propinata dalle autorità competenti una serie di dati e numeri che sempre certificano una diminuzione di questa tipologia di reati e si raccomandano di non tener conto della percezione della realtà, sempre diversa e maggiore di quella vera, ma io rimango sempre alla frase di un mio vecchio comandante < esistono le verità , le mezze verità, le bugie, le mezze bugie e…le statistiche e mai come in questo caso sono costretto a dargli ragione. Certo, non pretendo di ritornare ai tempi che furono, quando potevi uscire di casa lasciando la porta aperta, ma neppure avere il terrore di abbandonare la propria abitazione anche soltanto per qualche ora e sperare che questa volta tocchi ad un altro, perché stai sicuro che ad uno gli tocca. La sera sei costretto a chiudere le finestre e la porta a doppia mandata, ma non basta, questi entrano anche quando sei in casa e se ti azzardi a reagire, grazie alla nostra imbelle magistrature, ti tocca pagare gli eventuali danni, se poi hai un’arma e spari, sei rovinato per tre generazioni. E mica è finita, quei pochi sfigati che riesci ad arrestare, te li ritrovi in giro dopo qualche mese.
La vivibilità e la sicurezza rappresentano, assieme al lavoro ed al benessere economico, gli elementi fondanti di una società civile, ma i nostri eroi in parlamento, ad eccezione dei leghisti, che da sempre denunciano questa inaccettabile situazione, continuano a baloccarsi con cento senatori in più od in meno, tanto loro questi rischi non li corrono.

Bruno Tamburini Lega Nord

Riproduzione riservata ©