Street control, auto accesa. “E’ inevitabile”

Per ben due volte ho osservato la macchina dei vigili ferma alla rotatoria del nautico con una sola persona a bordo sicuramente intenta a individuare irregolarità nei veicoli in transito (continua)

Mediagallery

Per ben due volte mercoledì 25 maggio compreso ho osservato la macchina dei vigili ferma alla rotatoria del nautico con una sola persona a bordo sicuramente intenta a individuare irregolarità nei veicoli in transito ma tutto questo sempre con il motore acceso per tenere il climatizzatore acceso e poter lavorare meglio. In veste di pedone ho notato bene che il mezzo era acceso e che era visibile il liquido di condensa del condizionatore che gocciola a terra scorrendo verso il centro della carreggiata e se uno più uno fa due il quantitativo di liquido caduta indicava una permanenza in tale condizione non troppo breve. Mi chiedo dunque se le autorità hanno una particolare deroga sul tenere il motore acceso oppure la legge che lo vieta non esonera questi ultimi dal rispettarla (eccetto casi di grave emergenza).

Marco

La polizia municipale risponde – “Il fatto di tenere il motore acceso – risponde la dottoressa Michela Pedini, titolare della posizione Organizzativa, Sezioni Territoriali Sicurezza e Mobilità della polizia municipale – è perché l’apparecchio consumerebbe tutta la batteria dell’auto e quindi non potremmo poi più ripartire con la nostra pattuglia. In secondo luogo è bene che il motore sia acceso in caso di possibile inseguimento. L’agente che rimane in macchina da solo controlla sul tablet tutte le informazioni che lo street control passa. In caso di infrazione o, come è capitato spesso da quando abbiamo iniziato questo servizio, di mancanza di assicurazione, l’agente in auto comunica con una pattuglia a duecento metri circa di distanza di fermare e controllare il veicolo in questione. In questa maniera tuteliamo la sicurezza di tutti i cittadini”.

Riproduzione riservata ©