Sos maxi buche da via della Cappellina

Mediagallery

Gentilissima redazione, approfitto del vostro giornale, per mandarvi delle foto fatte sabato 11 aprile, per denunciare la grave situazione in cui versa via della Cappellina. Posso iniziare mostrandovi i tombini situati all’inizio di via della Cappellina, dove incrocia via Garibaldi per intenderci. Sono così da ormai parecchio tempo, come vedete sono completamente intasati e non possono assolutamente drenare l’acqua. Quello che vi mostro poi sono i marciapiedi di via della Cappellina in prossimità dell’ingresso dell’asilo. Sono così da ormai parecchi anni, e ogni anno che passa peggiorano sempre più. Dalla foto non si riesce a capire la profondità delle buche, ma  vi assicuro che sono profonde e a fatica si passa con un passeggino o una carrozzina…

Anche il marciapiede sotto la Ex Caserma Occupata lato, via della Cappellina, presenta delle buche enormi, create dalla pioggia, per colpa della grondaia rotta che fa cadere  l’acqua a cascata sul marciapiede….chiaramente essendo la caserma abbandonata anche se occupata, quindi priva di manutenzione, nessuno può aggiustare la grondaia e risolvere il problema…..

Per concludere ecco una buca profonda  formatasi di recente  davanti l’ingresso dell’asilo,  fortunatamente già transennata per via  della sua pericolosità. Ora  vi chiedo, dopo aver guardato le foto, vi sembra possibile che alcune zone della città versino in questa situazione di degrado? Ma noi abitanti di questa  zona non paghiamo le tasse come tutti gli altri? Non meritiamo dignità, pulizia e decoro? E allora? Per quale motivo il comune di Livorno ha abbandonato al degrado questa zona?

Spero che questa denuncia serva a  sensibilizzare e mettere a conoscenza il sindaco o gli uomini a lui vicino, che sicuramente avranno modo di leggere questo articolo, di come versa questa zona della città, sperando  che qualcuno intervenga al più presto, almeno in regime d’urgenza coprendo le buche con del catrame, perché la situazione è veramente pericolosa e insostenibile.
Non so se in altre città della Toscana esistano realtà simili, io l’ho girata molto e sinceramente lo dubito.
Luca 

Riproduzione riservata ©