Simoncini risponde: sono fatti, no promesse

Mediagallery

“Non è così – replica Simoncini – quelle prese per Livorno non sono promesse ma decisioni già operative: 170 milioni stanziati dal bilancio 2015 per la Darsena Europa, 9 milioni stanziati per lo scavalco tra porto e interporto, 10 milioni stanziati per il sostegno ad imprese che investiranno nell’area livornese, abbattimento dell’Irap per chi investe nell’area di crisi, premialità su tutti i bandi regionali per Livorno e le altre 2 aree di crisi regionali, un milione per i Lavori di Pubblica Utilità, con premialità specifiche per i progetti da Livorno”.
Ma non è tutto. Ricorda l’assessore che a queste decisioni si aggiungerà, se il Consiglio regionale lo approverà, un ulteriore stanziamento di 5 milioni per contribuire al recupero ad incubatore di impresa /polo tecnologico di aree produttive dismesse come quelle ex Trw e Delphi. Stanziamenti importanti, che si aggiungono a quelli che stanno permettendo, tra gli altri, gli interventi per l’escavo del porto o per il collegamento delle banchine alla linea ferroviaria. “Queste le decisioni già prese – ribadisce l’assessore Simoncini – e con le quali ci siamo presentati a Roma per l’accordo di programma. Non con il cappello in mano a chiedere un contributo, ma con progetti importanti non solo per Livorno ma per l’intero paese e con una dotazione di risorse importanti da parte regionale. È anche per questo che abb iamo ricevuto attenzione ed impegni concreti del Governo che, nel prossimo incontro, dovrebbero sostanziarsi in cifre concrete sul cofinanziamento nazionale che permetteranno, a breve, la firma dell’accordo di programma e la sua realizzazione a partire dalla realizzazione della Darsena Europa”.
Nei tempi di realizzazione della darsena saranno comunque operative tutte le altre misure per l’attrazione di imprese e di innalzamento della competitività dell’area livornese. “Su questi credo che confluiranno anche importanti finanziamenti nazionali – conclude – ma sicuramente saranno attivati con risorse regionali e dei Comuni interessati che, sono certo, vorranno investire su questo”.

Riproduzione riservata ©