“Si a un circo senza animali”, la petizione. Firma qui

Mediagallery

Come Associazione Animalista Livornese rinnoviamo l’appello a firmare la petizione per avere circhi senza animali. Per ottenere questo risultato non serve protestare davanti al capannone del circo, perché, come gli ultimi fatti svoltisi anche a Livorno hanno dimostrato, anche il sindaco non ha potere verso una legge dello Stato. Dunque se vogliamo combattere per questa causa dobbiamo andare alla radice e chiedere al Presidente Mattarella e al Ministro Franceschini di abolire i contributi statali in favore dei circhi, di vietare l’acquisto e la vendita di animali esotici e rendere obbligatorio la sterilizzazione degli animali. Questo nel tempo porterà a risolvere il problema in modo indolore per gli animali già presenti nei circhi, che rischierebbero di essere abbattuti dai proprietari se entrasse in vigore una legge, che da un giorno all’altro, ne vieta l’uso. In questo modo invece, nel giro di qualche anno l’uso di animali andrebbe naturalmente ad estinguersi.
La petizione ha ricevuto già 921 firme, siamo quindi al raggiungimento delle 1.000 che permettono di presentare la richiesta al Presidente della Repubblica, ma il problema è che la maggior parte di queste firme provengono dall’estero, e quindi sono poco incisive per una causa tutta italiana. Chiedo quindi a quanti hanno a cuore il rispetto e il benessere degli animali di aiutarmi a portare avanti tale petizione firmando su http://www.thepetitionsite.com/it/622/349/429/circo-senza-animali/ alla voce Circo senza Animali. Grazie.

Elena Meniconi
Presidente Associazione
Animalista Livornese

Riproduzione riservata ©