Sgambatura cani, regolamentare l’orario di sosta all’interno

Mediagallery

Sono possessore di un cane maschio di grossa taglia  dove l’unico spazio per “sgambare” e finalmente liberarlo dal guinzaglio sarebbe anzi…dovrebbe essere l’apposita area di sgambatura creata appositamente dalle locali istituzioni affinché una volta liberato l’animale non possa recare fastidio a nessuno, (soprattutto se il cane e’ molto vivace come il mio),  in diverse zone ed in particolar modo  mi riferisco  all’area dedicata ai cani in via degli Oleandri ove  vi è praticamente impossibile accedere in quanto, soprattutto nel tardo pomeriggio vi sono sempre le stesse persone con i loro grossi cani (a loro detta aggressivi e pericolosi) che fanno “salotto” incuranti delle persone che sono lì davanti  e che aspettano educatamente (ed inutilmente)  il loro turno per poter entrare in quanto anche loro vorrebbero usufruirne, ma vista l’arroganza di queste persone si preferisce non “andare ai ferri corti”  ed evitare inutili ed incivili  litigi.

Non vorrei scaturire polemiche,  tipo “i vigili non controllano o quant’altro” secondo me l’unica cosa da fare (optando per una soluzione civile) sarebbe da parte delle circoscrizioni o del Comune, provvedere ad affiggere dei cartelli che regolamentano l’orario di sosta, con delle fasce orarie e con scritte che invitano ad un maggior rispetto verso gli altri,  in modo che guardando l’orologio ci si possa regolare tra noi  in modo civile  perché non mi sembra giusto che “chi prima arriva macina” e sosti lì per ore come nel caso del recinto  appena menzionato ricordando che l’area sgambatura cani serve esclusivamente per i nostri animali  e non per un luogo di ritrovo di amici  che occupano egoisticamente quello spazio per ore ignorando palesemente le persone che attendono invano  il  loro turno di accesso.

Cordiali saluti.

Gianmarco   Massini

Riproduzione riservata ©