Scappa per un boato e viene investito in autostrada. Balù commuove il web

Mediagallery

Era stato adottato due mesi e mezzo fa al canile di Siena. Di Balù, questo il suo nome, pastore maremmano di tre anni, si erano perse le tracce il 23 gennaio mattina, intorno alle 9,30, quando a causa di un boato improvviso, forse la caduta al suolo di un container in una azienda nei paraggi, l’animale si era impaurito ed era scappato dall’orto in via Aiaccia, a Stagno.
La famiglia Giannardi aveva lanciato un appello a Quilivorno.it (che aveva suscitato grande interesse e attenzione da parte dei lettori tanto che l’articolo aveva ottenuto oltre 1.100 condivisioni su Facebook e decine su Twitter) per cercare di ritrovarlo, pubblicandolo anche sulla pagina Facebook “cani smarriti”, salvo scoprire il giorno dopo che Balù era stato investito intorno alle 11,30 vicino al casello dell’autostrada, ovvero poche ore dopo la fuga.
“Per tutti noi è stato uno shock enorme. Rimane il dolore, ma perlomeno lo abbiamo ritrovato e ci siamo messi l’anima in pace”, dice la figlia. E’ stato un uomo ad avvisare dell’accaduto. Dopo aver visto la fotografia su Quilivorno.it ha riconosciuto Balù sul ciglio della strada ed ha chiamato il numero di cellulare che si trovava  nell’articolo. Da qui è iniziata una odissea. “Sull’incidente è intervenuta la stradale di Viareggio che poi ha contattato il recupero carcasse di Massa. Qui, dopo aver confermato loro che era il numero di microchip apparteneva proprio a Balù, mi hanno detto che era stato sistemato in una cella. Sono riuscita a recuperarlo e a portarlo a casa. Lo abbiamo sotterrato in giardino. Adesso passeremo dei guai a causa dell’incidente causato ma ci penseremo… Siamo distrutti, ma essere riusciti a riportarlo a casa ci ha reso contenti. Lasciarlo lì sarebbe stato atroce”.

PARLA UN TESTIMONE (riportiamo qui il commento di un lettore)
Ogni giorno mi reco a Livorno per lavoro. Ho visto il cane poco dopo il casello intorno alle 9 sull’autostrada. Ho cercato di fermarmi, ma era pericoloso, così alle 9:32 (dal registro chiamate del mio cellulare) ho chiamato il 115 che mi ha garantito che sarebbero subito intervenuti… Il cane è stato investito alle 11:30, due ore dopo vicino a dove l’avevo visto. Se la famiglia volesse sporgere denuncia per quanto successo sono disposto a raccontare di persona quanto ho qui descritto… Mi dispiace proprio tanto!

Riproduzione riservata ©